Notizie Notizie Mondo Fed: stress test superati, promosse le grandi banche statunitensi. Il 28 giugno esito secondo round

Fed: stress test superati, promosse le grandi banche statunitensi. Il 28 giugno esito secondo round

Stress test superati negli Stati Uniti: 34 grandi banche americane hanno passato con successo la prima sessione di stress test annuali, mostrando di essere abbastanza solide per resistere di fronte a una grave crisi finanziaria ed economica. A dirlo la Federal Reserve (Fed) in un comunicato diffuso ieri sera. In sostanza, le maggiori banche nazionali hanno un buon livello di capitale e mantengono la loro capacità di concedere prestiti alle famiglie e alle imprese durante una grave recessione. 

“I risultati di quest’anno mostrano che, anche in caso di una grave recessione, le nostre principali banche rimangono ben capitalizzate“, ha dichiarato Jerome Powell, il governatore della Fed responsabile della regolamentazione bancaria, che ha preso il posto di Daniel Tarullo. “Questo permetterebbe loro di continuare a concedere prestiti per l’intero ciclo economico e di sostenere le famiglie e le imprese in tempi difficili“. Un risultato positivo che potrebbe spingere l’amministrazione Trump a tornare alla carica sul fronte della deregulation del sistema bancario.

Questo è il settimo round di stress test condotto dalla Federal Reserve dal 2009 (l’anno dopo lo scoppio della crisi finanziaria) e il quinto round richiesto dalla legge Dodd-Frank, la riforma finanziaria voluta dall’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Di anno in anno, questi “esami sotto stress” valutano il modo in cui le banche riuscirebbero a gestire le turbolenze finanziarie e l’erosione dei fondamentali di fronte a uno scenario avverso (ad esempio una forte ascesa della disoccupazione, il forte calo dei prezzi delle case e la caduta del mercato azionario).

A breve arriveranno i risultati di un secondo round di test che verranno comunicati il prossimo 28 giugno. Quest’ultimi fanno parte della Comprehensive Capital Analysis and Review (CCAR): in particolare la Fed valuterà i programmi delle banche in termini di operazioni di buyback o politica di dividendi.