Notizie Notizie Italia Italia: F2i e Marguerite acquisiscono il controllo di MC-link. Nuovo investimento nel mondo delle tlc

Italia: F2i e Marguerite acquisiscono il controllo di MC-link. Nuovo investimento nel mondo delle tlc

Continua il progetto di crescita del fondo infrastrutturale italiano F2i nel settore dei servizi delle telecomunicazioni per le imprese, guardando soprattutto all’ambito della banda larga. Dopo la recente acquisizione di Infracom (società controllata dal gruppo spagnolo Abertis, attiva nel mercato nazionale dei servizi ICT), ancora in tandem F2i e Marguerite hanno raggiunto un accordo con un gruppo di investitori per l’acquisto del 89,81% del capitale di MC- link ad un prezzo per azione pari a 15,6 euro per un valore complessivo del capitale azionario della società di 50,5 milioni di euro. L’acquisizione avverrà, precisano le due società, tramite 2i Fiber che, detenuta all’80% dal Secondo Fondo F2i e al 20% da Marguerite, è già proprietaria del 94,1% di Infracom.

Archiviata da poco l’acquisizione di Infracom (conclusa lo scorso 27 luglio), ecco che il fondo guidato da Renato Ravanelli e quello creato con il sostegno di sei istituzioni finanziarie pubbliche europea accrescono ulteriormente la presenza nel settore delle telecom in Italia. E il loro piano di espansione sembra essere solo all’inizio. L’idea di F2i e Marguerite è infatti quella di integrare MC-link e Infracom in un’unica piattaforma tramite la quale aggregare altri operatori attivi nel frammentato mercato dei servizi di telecomunicazione rivolto alla clientela business. L’obiettivo principale, riferisce una nota, è quello di creare un player nazionale dotato di forti competenze manageriali, solidità finanziaria e di adeguati livelli di efficienza e qualità del servizio, operante nel mercato dei servizi di accesso alla rete internet e nei servizi cloud a valore aggiunto.
Il closing dell’operazione, sottolinea una nota, è previsto nella seconda metà del mese di settembre ed è subordinato al verificarsi di alcune condizioni sospensive tra cui l’approvazione da parte della presidenza del Consiglio dei Ministri. “MC-link è una società quotata all’Aim Italia – aggiunge la nota -. Ad esito dell’acquisizione scatterà un obbligo di Offerta Pubblica di Acquisto (OPA) per l’acquisto delle azioni possedute dalle minoranze“.

Chi è Mc-Link
MC-link, che ha sede legale a Trento e sede operativa a Roma, opera nel mercato nazionale dei servizi ICT e ha chiuso l’esercizio 2016 con un fatturato di circa euro 43,5 milioni, un margine industriale (ebitda) di euro 9,1 milioni e una posizione finanziaria netta di euro 17,5 milioni.
La dotazione infrastrutturale di MC-link comprende un’estesa rete in fibra ottica per circa 2.200 km, 7 MAN (Metropolitan Area Network) e quattro data center di cui due a Roma, 1 a Milano (nel Business Park di via Caldera) e 1 a Trento.