Notizie Notizie Mondo Giappone, Primi effetti positivi delle Abenomics. Tokio verso una ripresa duratura

Giappone, Primi effetti positivi delle Abenomics. Tokio verso una ripresa duratura

 

 

 

 

 

Non è un miracolo, ma i primi frutti delle politiche economiche fortemente espansive introdotte nel 2012 dal primo ministro giapponese Shinzo Abe, le famose «Abenomics» che cominciano a generare i primi effetti positivi sull’economia giapponese, lasciando intravedere un Paese finalmente pronto a rispondere al cambiamento.  E così, dopo una lunga agonia, l’economia giapponese dovrebbe rianimarsi e mettere a segno una crescita dell’1,7% nel 2017, con il consolidarsi dei benefici rappresentati dalla crescita globale, dalle riforme interne e dagli stimoli.
Questo livello di crescita prossimo al 2%, in parte dovuto agli stimoli monetari, riduce l’attrattività della liquidità e incoraggia i nuclei familiari a spendere piuttosto che a risparmiare – è il commento di  Norman Villamin, CIO Private Banking di Union Bancaire Privée (UBP) – Anche le politiche che hanno incoraggiato le donne a entrare nel mondo del lavoro hanno dato frutti significativi, aumentando il reddito a disposizione delle famiglie”.

 

Il volano del turismo

 

Un ruolo di primo piano nella eccezionale ripresa del Giappone lo sta assumendo il turismo: il Paese è infatti il primo beneficiario della creazione di ricchezza nel continente asiatico con ben 23 milioni di turisti in arrivo dall’Asia rispetto agli appena 6 milioni dell’ultimo decennio e l’industria turistica sta quindi diventando un nuovo elemento propulsore della domanda interna.

“Il forte e sempre più diversificato quadro economico e il risultato delle elezioni generali dello scorso ottobre hanno creato condizioni ideali che dovrebbero consentire al primo ministro Abe di rimettere a fuoco, sostenere e accelerare le riforme economiche nel Paese”, spiega Villamin. Che aggiunge: “Presumibilmente il suo governo dovrebbe essere spinto da un’opposizione più efficace, dal desiderio di rimodellare la costituzione del Paese e mantenere le riforme incentrate sulla crescente domanda interna e sulla ristrutturazione per favorire il processo di trasformazione dell’economia nipponica”.
 
Riforme costituzionali e del lavoro

 

È in questo contesto che, secondo lo strategist, il primo ministro Abe esce dalle elezioni con due opportunità. Prima di tutto, con lo scivolone dell’opposizione dopo un primo risultato rassicurante, Abe gode della maggioranza dei due terzi in entrambe le Camere del Parlamento e potrà quindi proseguire la riforma dell’articolo 9 della costituzione pacifista giapponese.I settori della difesa, dell’industria, della tecnologia e dei servizi uscirebbero avvantaggiati da un comparto militare rafforzato”, dice Villemin.
La seconda opportunità è data dalle riforme strutturali. Le imprese hanno ottenuto livelli di redditività record, tuttavia la quota del reddito da lavoro sta diminuendo costantemente dagli anni ‘90. “In questa ottica è fondamentale una riforma del mercato del lavoro – che ad oggi ancora incoraggia la domanda di manodopera a basso costo – così come l’abolizione del gap esistente nella protezione dell’occupazione e nei vantaggi che esistono tra dipendenti regolari e non regolari”, dice lo strategist. Il sistema, come nel resto dell’Occidente, è infatti orientato al ristagno dei salari e per questo Abe ha recentemente chiesto un 3% di aumento delle retribuzioni. Attualmente l’inflazione si colloca sullo 0,7% e un aumento del 3% migliorerebbe notevolmente i salari reali e il potere d’acquisto delle famiglie.
 
Ripresa duratura, nonostante Pyongyang

 

Rimane in atto anche il supporto monetario, dal momento che la BoJ è l’unica grande Banca centrale a non aver ancora cominciato ad alleggerire i suoi aiuti all’economia locale. “Mentre i tassi d’interesse negli Stati Uniti stanno aumentando e la BCE si prepara a ritirare il QE, ci attendiamo che lo yen giapponese assurga a ulteriore catalizzatore per gli utili nel 2018”, commenta Villemin.
Quanto alle  preoccupazioni geopolitiche per la Corea del Nord, continueranno a pesare sulla politica e sull’economia del Giappone, e anche sull’intera economia mondiale. “Se le tensioni subissero un’escalation trasformandosi in un conflitto aperto, tutte le azioni globali ne risentirebbero”, dice Villemin. Che conclude: “D’altro canto, se le minacce si rivelassero ancora una volta passeggere, il Giappone sarà pronto a catalizzare di nuovo l’attenzione degli investitori nel 2018”.