Notizie Notizie Italia Borse Europa terminano all’insegna degli acquisti dopo il secondo discorso di Powell

Borse Europa terminano all’insegna degli acquisti dopo il secondo discorso di Powell

10 Luglio 2024 18:00

Le borse europee chiudono in positivo, mentre Wall Street è sulla buona strada per aggiornare nuovamente i massimi storici.

Panoramica sulla chiusura delle Borse del 10 luglio 2024

Indici Europa e Italia

L’indice Euro Stoxx 50 chiude le contrattazioni in rialzo dell’1,1%, mentre a Piazza Affari l’indice Ftse Mib archivia la seduta in progresso dell’1,31% a 34.306,40 punti.

Positivi anche il Dax tedesco (+1,1%), il Cac40 francese (+0,9%) e l’Ibex35 spagnolo (+1,6%).

SEGUI: Indici di Borsa Mondiali

Migliori e Peggiori a Piazza Affari

Sul paniere principale di Piazza Affari, acquisti in particolar modo su Telecom Italia, in vetta dopo l’upgrade del rating da parte di S&P Global (a BB con outlook stabile), Saipem e Prysmian.

Al contrario, i peggiori del listino sono Campari e Banco Bpm.

SEGUI: Quotazioni titoli Piazza Affari

Obbligazionario e spread Btp/Bund

Rendimenti in calo sull’obbligazionario. Lo spread Btp-Bund con il decennale italiano in calo al 3,86% e il benchmark tedesco al 2,54%.

SEGUI: valore spread Btp/Bund 10 anni

Forex, Commodity e Cripto

Sul Forex, il cambio euro/dollaro si mantiene in area 1,083 e il dollaro/yen sale a 161,7.

SEGUI: Forex

Tra le materie prime, il petrolio Brent a 85 dollari al barile.

L’oro viaggia in zona 2.380 dollari l’oncia.

SEGUI: Materie Prime

Bitcoin scambia in area 57.800 dollari.

SEGUI: Criptovalute

L’agenda degli eventi

Nella seconda parte della sua testimonianza al Congresso Usa, il presidente della Fed, Jerome Powell, ha affermato di avere una “certa fiducia” che l’inflazione sia destinata a scendere, anche se la banca centrale vuole essere più fiduciosa. Inoltre, ha dichiarato che non sarà necessaria una discesa al 2% prima del primo taglio dei tassi.

Domani sono attesi i dati chiave sull’inflazione statunitense, mentre venerdì l’attenzione si sposterà sulle trimestrali dei colossi bancari JPMorgan, Citigroup e Wells Fargo.