Notizie Bitcoin sfonda $19.000 ma crac FTX fa ancora paura. Caso Crypto.com

Bitcoin sfonda $19.000 ma crac FTX fa ancora paura. Caso Crypto.com

Il Bitcoin ha superato i 19.000 dollari, toccando il livello più alto da novembre grazie al raffreddamento dell’inflazione statunitense.

La più grande valuta digitale al mondo per capitalizzazione di mercato ha superato i 19.000 dollari per la prima volta dall’8 novembre, aumentando il suo valore dell’8,4%. L’ultima volta il Bitcoin è stato scambiato a 19.013,30 dollari, secondo CoinMetrics.

I buy sono scattati nelle ultime ore a seguito della pubblicazione del dato sull’inflazione degli Stati Uniti misurata dall’indice dei prezzi al consumo. Il dato ha confermato l’allentamento delle pressioni inflazionistiche, che continuano comunque a essere ancora alte rispetto al target del 2% della Fed.

La Fed e le altre banche centrali hanno aumentato i tassi d’interesse nell’ultimo anno circa nel tentativo di domare l’impennata dell’inflazione, con mosse che hanno visto le azioni e le criptovalute a scendere bruscamente nel 2022.

L’annuncio di Crypto.com

La speranza ora è che la banca centrale statunitense tagli i tassi, togliendo un po’ di pressione agli asset di rischio. Certamente, il crac di FTX fa sentire ancora i suoi effetti sul mondo crypto.

Crypto.com ha dichiarato che ridurrà circa il 20% della sua forza lavoro, seguendo le borse rivali Coinbase Global Inc e Huobi che hanno annunciato i loro piani di licenziamento.

La scorsa settimana una fonte ha riferito a Reuters che anche Genesis aveva tagliato posti di lavoro, pari al 30% dei dipendenti.

Il piano di licenziamenti di Crypto.com sarebbe il secondo in circa sei mesi, dopo che nel luglio dello scorso anno aveva ridotto i posti di lavoro per far fronte alla crisi macroeconomica e all’aumento dei tassi di interesse.

Il recente crollo dell’FTX ha “danneggiato in modo significativo la fiducia nel settore”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Crypto.com Kris Marszalek in un comunicato. “Per questo motivo, mentre continuiamo a concentrarci su una gestione finanziaria prudente, abbiamo preso la difficile ma necessaria decisione di effettuare ulteriori riduzioni al fine di posizionare la società per un successo a lungo termine”.

Il crac di FTX di Sam Bankman-Fried è stato il più grande di una serie di fallimenti legati alle criptovalute nel 2022. E ha scatenato un’ondata di sell off, lasciando circa 1 milione di creditori con perdite di miliardi di dollari.

Il Bitcoin è sceso di circa il 74% rispetto al massimo storico di 68.990 dollari del novembre 2021.

L’anno scorso, quasi 1.400 miliardi di dollari di valore sono stati cancellati dal mercato delle criptovalute ma nonostante tutto la criptomoneta ha iniziato il 2023 in modo positivo, con un prezzo in costante aumento negli ultimi 12 giorni.

Altre valute digitali sono state sostenute dal balzo dei prezzi del bitcoin nelle ultime ore.

L’Ethereum, la seconda moneta per importanza, è salita di quasi il 5% a 1.397,78 dollari, mentre il token BNB di Binance è avanzato del 3% a 283 dollari.