Notizie Notizie Mondo Binance si tira indietro, adesso FTX rischia grosso. Nuovo tonfo di Bitcoin & co.

Binance si tira indietro, adesso FTX rischia grosso. Nuovo tonfo di Bitcoin & co.

Spettro bancarotta per FTX, la piattaforma crypto di Sam Bankman-Fried. La situazione è precipitata ieri dopo che Binance si è tirata indietro dal salvataggio di FTX. Dietrofront arrivato a un giorno di distanza dall’annuncio del ceo di Binance, Changpeng “CZ” Zhao, di un accordo non vincolante per acquisire le attività non statunitensi di FTX.

“All’inizio, la nostra speranza era di essere in grado di supportare i clienti di FTX per fornire liquidità”, ha detto Binance in un tweet. “Ma i problemi sono al di fuori del nostro controllo o della nostra capacità di aiutare”. Tra gli elementi critici che hanno allarmato Binance ci sono “fondi dei clienti mal gestiti e presunte indagini delle agenzie statunitensi”.

 

La Securities and Exchange Commission (SEC) starebbe indagando sulla gestione dei fondi dei clienti da parte dell’exchange di criptovalute FTX.com nel mezzo di una crisi di liquidità, nonché sulle sue attività di prestito di criptovalute. L’indagine, stando a quanto riporta Reuters, sarebbe iniziata alcuni mesi fa. Anche la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) starebbe sondando la questione.

Cosa preoccupa gli investitori

Le difficoltà di FTX hanno comportato una brusca la reazione dell’universo crypto con nuova raffica di vendite su tutti i principali asset digitali. Il bitcoin è arrivato a scendere sotto la soglia dei 16.000 $, sui minimi da novembre 2020. Al momento viaggia in area 16.300 $ con un calo di quasi l’8% nelle ultime 24 ore (dati Coin Desk). 

“La principale preoccupazione causata da questo evento non riguarda solo la lotta in sé, ma anche il modo in cui i beni degli utenti sono tenuti sotto la custodia degli exchange e di altre istituzioni finanziarie. Questo, per molti investitori e utenti, è un indizio per rischi o crash anomali e ha causato panico nel mercato”, rimarca Gracy Chen, Managing director di Bitget. “Poiché i rischi e gli impatti di questo evento tra Binance e FTX sono stati presi in considerazione, e se non ce ne sono altri escono notizie negative, si spera che il mercato possa rimbalzare”, aggiunge la Chen.

Le prime vittime della crisi di FTX sono gli utenti FTX che fino a poche settimane fa era considerato uno degli exchange più affidabili dell’ecosistema crittografico. Il mancato accordo con Binance ha indotto FTX a interrompere i prelievi di criptovalute e valute legali dall’exchange e molti utenti della piattaforma hanno iniziato a dubitare che riusciranno a recuperare i loro fondi.

Rischio bancarotta

FTX si trova adesso davanti allo spettro bancarotta. Stando a quanto riferito da Bloomberg, FTX ha un buco da 8 miliardi di dollari e Bankman-Fried in una call prima del dietrofront di Binance avrebbe informato gli investitori che il suo exchange di criptovalute ha dovuto affrontare un deficit fino a $ 8 miliardi e aveva bisogno di $ 4 miliardi per rimanere solvibile. FTX, che a inizio anno era stata valutata 32 mld $, sta tentando di raccogliere finanziamenti per il salvataggio sotto forma di debito, azioni o una combinazione.

“Ho fatto una cazzata”, avrebbe detto Bankman-Fried agli investitori sollecitando un soccorso. Fino a lunedì lo stesso Bankman-Fried aveva cercato di rassicurare gli investitori circa ‘assenza di una crisi di liquidità della sua società.

FTX ha un importante elenco di sostenitori come Sequoia Capital, BlackRock, Tiger Global Management e SoftBank Group. Sequoia ha svalutato l’intero valore delle sue partecipazioni in FTX.com e FTX.us, un’indicazione che non vede chiaramente un percorso per recuperare il proprio investimento.