News Notizie Notizie Mondo Bce, Lagarde su attacco Meloni e altri premier Ue: ‘dobbiamo fare ciò che è necessario fare’

Bce, Lagarde su attacco Meloni e altri premier Ue: ‘dobbiamo fare ciò che è necessario fare’

“We have to do what we have to do”. Così Christine Lagarde, presidente della Bce, nella conferenza stampa successiva all’annuncio sui tassi che oggi, per la seconda volta consecutiva, sono stati alzati di 75 punti base, risponde a chi le chiede di commentare le recenti critiche arrivate dai governi Ue sulla sua decisione di continuare ad alzare i tassi. “Dobbiamo fare ciò che è necessario fare”, ha detto Lagarde. “Noi abbiamo una missione, che è quella di ripristinare la stabilità dei prezzi, di combattere l’inflazione”, ha detto ancora Lagarde. A fronte del “rischio di una recessione”, ha precisato il numero uno della Bce, “c’è la realtà dell’inflazione”.

Così il presidente del Consiglio Giorgia Meloni nel discorso alla Camera di qualche giorno fa, riguardo alle strette monetarie lanciate dalla Bce:

La decisione della Bce, al pari di altre banche centrali, per la prima volta dopo 11 anni, a rialzare i tassi di interesse è “da molti reputata una scelta azzardata e che rischia di ripercuotersi sul credito bancario a famiglie e imprese, e che si somma a quella già assunta dalla stessa Banca centrale di porre fine, a partire dal 1° luglio 2022, al programma di acquisto di titoli a reddito fisso sul mercato aperto, creando una difficoltà aggiuntiva a quegli Stati membri che hanno un elevato debito pubblico”, ha detto Meloni.

Immediata la reazione a livello internazionale, con Bloomberg News che ha bollato subito le parole della Meloni come l’attacco più diretto lanciato finora da parte di un politico della zona euro contro il rialzo dei tassi della Bce.