Notizie Notizie Italia Un caldo giugno per le Ipo a Piazza Affari: attesa per l’idrogeno verde di De Nora. Erfo ed Energy preparano sbarco su EGM

Un caldo giugno per le Ipo a Piazza Affari: attesa per l’idrogeno verde di De Nora. Erfo ed Energy preparano sbarco su EGM

Mese di giugno caldo sul fronte delle Ipo a Piazza Affari, con società in arrivo da diversi settori. Tra le quotazioni più attese c’è quella di De Nora (clicca qui per scoprire i dettagli dell’offerta annunciata dalla società specializzata in elettrochimica, leader nelle tecnologie sostenibili e con un ruolo fondamentale nella filiera della produzione industriale dell’idrogeno verde) che ha comunicato ieri al mercato l’intervallo di valorizzazione indicativa delle azioni ordinarie della società pari a un minimo di 13,50 euro per azione e a un massimo di 16,50 euro per azione, corrispondente a una capitalizzazione post aumento di capitale compresa tra 2.723-3.283 milioni. 

Le prossime matricole, soprattutto su Euronext Growth Milan

Ma sono diverse le società che si preparano allo sbarco in Borsa, con destinazione soprattutto Euronext Growth Milan. Per quanto riguarda i target 2022, l’Osservatorio EGM di IR Top Consulting stima una capitalizzazione di 13 miliardi di euro con complessive 200 aziende quotate (+15%) e una raccolta aggiuntiva di 250 milioni. 

Tornando alle singole società, stamattina Erfo, attiva nel settore nutraceutico, ha annunciato di avere avviato il Bookbuilding per la quotazione su Euronext Growth Milan.L’operazione, rivolta esclusivamente a investitori qualificati italiani ed investitori istituzionali esteri, prevede un’offerta fino a 3,5 milioni di euro comprensiva di eventuale greenshoe e una forchetta di prezzo che è stata fissata tra un minimo di 1,40 euro e un massimo di 1,60 per azione di Erfo. L’ammissione alle negoziazioni è prevista il prossimo 27 giugno. L’Ipo supporterà tra l’altro l’ulteriore crescita della società nel mercato italiano e internazionale e lo scale up della linea medical division, nonché l’attività di ricerca e sviluppo.

Per il settore dell’energia in rampa di lancio la quotazione di Energy. La società attiva nell’offerta di sistemi integrati di accumulo di energia ha annunciato la sua intenzione di procedere alla quotazione delle proprie azioni ordinarie su Euronext Growth Milan. L’offerta sarà prevista totalmente in aumento di capitale e sarà composta da azioni ordinarie di nuova emissione della società, da realizzarsi con un collocamento rivolto esclusivamente a investitori istituzionali qualificati in Italia e all’estero (con esclusione degli Stati Uniti, America, Canada, Giappone, Sud Africa e ogni altro Paese estero nel quale l’Offerta non sia consentita in assenza di autorizzazione da parte delle competenti autorità). Energy ha precisato che i proventi dell’aumento di capitale saranno rivolti allo sviluppo e all’accelerazione del piano di crescita già avviato dalla Società, all’allargamento dell’offerta commerciale a sistemi di maggiori dimensioni e al supporto dell’espansione internazionale.

Nella lista di società che si stanno avvicinando a Palazzo Mezzanotte c’è anche Generalfinance che prepara la quotazione per fine mese. Nei giorni scorsi la società (intermediario finanziario specializzato nell’attività di factoring) ha fatto sapere che Borsa Italiana ha rilasciato il provvedimento di ammissione alla quotazione delle azioni ordinarie sul mercato regolamentato Euronext Milan e di aver presentato a Borsa Italiana la domanda di ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni su Euronext Milan e, ricorrendone i presupposti, sul segmento Euronext Star. Inoltre, la Consob ha approvato il documento di registrazione, la nota informativa relativa alle azioni e la nota di sintesi, che congiuntamente costituiscono il prospetto di ammissione delle azioni alle negoziazioni.

Le recenti quotazioni

Nel mese di giugno sono già sbarcate altre società. L’ultima in ordine di tempo è Bellini Nautica che restaura i Riva d’epoca, prima High Quality Food (specializzata nel settore agro-industriale di alta qualità) e infine Redelfi (a capo del Gruppo attivo nell’ambito della transizione digitale e green attraverso tre business unit operanti nei settori green, martech e greentech).