Notizie Notizie Italia Tim: il governo blinda la rete esercitando il golden power, governance sotto scacco

Tim: il governo blinda la rete esercitando il golden power, governance sotto scacco

E’ arrivato ieri sera l’atteso provvedimento del governo su Tim. Il Consiglio dei Ministri ha deliberato di esercitare i poteri speciali previsto dal “golden power” per tutelare la sicurezza e l’integrità della rete Tim. Tale decisione va a incidere sulla governance di Tim sulla rete. Su ogni decisione ora dovrà rendere conto al governo, in particolare su piani di sviluppo e cambiamenti di governance.

All’esito dell’attività istruttoria, il governo ha infatti ritenuto che “i cambiamenti intervenuti nella governance di TIM, che hanno determinato il controllo e la disponibilità in capo ai francesi di Vivendi, anche alla luce dell’entità della partecipazione detenuta, degli attivi strategici di TIM, potrebbero, in ragione della differente mission industriale di quest’ultima, determinare mutamenti nelle scelte organizzative e strategiche di TIM, rilevanti per il funzionamento, la sicurezza e l’integrità delle reti, con conseguente minaccia di grave pregiudizio degli interessi pubblici”.

Controllo su piani sviluppo, decisioni strategiche e cambi governance

In particolare, sono previste prescrizioni e condizioni destinate all’adozione di adeguati piani di sviluppo, investimento e manutenzione sulle reti e sugli impianti, necessari ad assicurarne il funzionamento e l’integrità, a garantire la continuità della fornitura del servizio universale e a soddisfare i bisogni e le necessità di interesse generale nel medio e lungo termine, nonché a realizzare adeguate misure di natura tecnica ed organizzativa di gestione dei rischi, volte a garantire l’integrità e la sicurezza delle reti, nonché la continuità e la fornitura dei servizi. Fatti salvi gli obblighi di notifica previsti dalla legge, Tim è tenuta a comunicare preventivamente qualsiasi variazione e riorganizzazione degli assetti societari del gruppo e delle società dalla stessa, direttamente o indirettamente, controllate, nonché qualsiasi piano di cessione o alienazione di attivi strategici o delibere del Consiglio di Amministrazione, rilevanti per l’eventuale impatto sulla sicurezza, la disponibilità e il funzionamento delle reti e degli impianti, nonché sulla continuità del servizio universale.

Tim pronta a dialogo costruttivo

Tim ha preso atto di quanto deciso dal governo impegnandosi a un dialogo costruttivo con palazzo Chigi. “Le misure adottate – rimarca la nota di Tim – si pongono in linea con la strategia di TIM e rispetto ad esse la società manifesta la propria condivisione ed il proprio impegno, a conferma della volontà di continuare ad avere un dialogo franco e costruttivo con il Governo e le Autorità di settore che permetta di coniugare gli interessi del Paese con quelli della libera attività d’impresa”.