Notizie Notizie Mondo Stati Uniti: economia cresce più del previsto, prime indicazioni positive da lavoro Usa. Dollaro in recupero  

Stati Uniti: economia cresce più del previsto, prime indicazioni positive da lavoro Usa. Dollaro in recupero  

L’economia americana cresce a un ritmo superiore alle aspettative del mercato. In particolare, il Prodotto interno lordo (Pil) Usa ha segnato nel secondo trimestre dell’anno su base annualizzata una crescita del 3% rispetto al periodo precedente, accelerando rispetto al +2,6% registrato nella prima lettura. Un dato migliore rispetto alle attese degli analisti che pronosticavano infatti un Pil in rialzo del 2,7 per cento. A sostenere la crescita del Pil la voce “consumo personale” che ha mostrato un rialzo del 3,3%, oltre il +2,8% della passata rilevazione e il +3% indicato dal consensus Bloomberg. Insomma gli americani spendono di più per l’acquisto di beni e servizi.

Una settimana ricca di importanti indicazioni per l’economia statunitense. Oggi poco prima della diffusione del dato sul Pil, è arrivato il consueto sondaggio realizzato dalla società ADP relativo il saldo delle buste paga del settore privato. Nel mese di agosto il dato si è attestato a +273 mila unità rispetto alla precedente rilevazione di luglio pari a +201 mila. Gli analisti si aspettavano un dato pari a 183 mila. La rilevazione fa ben sperare per i dati sul mercato del lavoro americano, in calendario venerdì. Come ogni primo venerdì del mese sono attesi gli aggiornamenti sul mercato del lavoro a stelle e strisce, con la diffusione del tasso di disoccupazione e la variazione degli occupati nel settore non agricolo (le cosiddette non farm payrolls). Dati che arriveranno sul tavolo del board del Fomc che si riunirà il prossimo 19/20 settembre per decidere sulla politica monetaria della Federal Reserve (Fed). 

Intanto il dollaro prosegue il recupero già visto stamattina rispetto alle principali valute, sostenuto in parte anche dall’euro che riprende fiato dopo i recenti rialzi (ieri il cambio valuta unica/biglietto verde ha agganciato la soglia di 1,20, portandosi sui massimi da gennaio 2015). In questo momento il cross euro/dollaro si mantiene sotto quota 1,20 (a 1,1924, -0,41%), mentre il dollar index è in ripresa e viaggia a 92,62 (+0,38%).