Notizie S&P: la reazione delle banche Ue in caso di recessione anche breve

S&P: la reazione delle banche Ue in caso di recessione anche breve

Con l’economia dell’Eurozona in forte rallentamento, le banche inizieranno probabilmente a vedere una rapida riduzione della crescita del volume dei prestiti e dell’attività complessiva quest’inverno.

Così ha dichiarato S&P Global Ratings in un report da cui emerge che, tuttavia, grazie alla forte partenza del 2022 e all’aumento dei tassi di interesse, prevedono che le banche dell’Eurozona registreranno ottimi risultati nel 2022 e, nello scenario di base, anche nel 2023. “Ma i rischi macroeconomici al ribasso sono rilevanti”, ha dichiarato Nicolas Charnay, analista del credito di S&P Global Ratings.

I due scenari di S&P per le banche Ue

Per il 2023, gli esperti hanno individuato  due scenari relativi agli utili delle banche dell’eurozona: uno di stagnazione (scenario di base) e uno di recessione economica vera e propria, anche se potenzialmente di breve durata (scenario negativo). In entrambi gli scenari, gli esperti si attendono che il sistema bancario dell’eurozona rimanga redditizio, anche se in misura ridotta nello scenario negativo.

La gamma di risultati potenziali è ampia e dipenderà in ultima analisi dal concretizzarsi di uno scenario di piena recessione dell’eurozona. Gli economisti di S&P in particolare stimano ora una probabilità del 47%, anche se lo scenario di base prevede una stagnazione relativamente più benevola. Questo scenario vedrebbe probabilmente un leggero aumento dei profitti per le banche dell’eurozona, con i benefici graduali dell’aumento dei tassi di interesse che più che compensano l’aumento dei costi.

“L’impatto dello scenario negativo dipende dall’esposizione relativa di ciascuna banca ai settori più a rischio e dalla capacità delle banche di gestire e assorbire i crescenti rischi di credito, nonché dal ritmo e dall’intensità della successiva ripresa, che dipenderà a sua volta da eventuali interventi governativi” ha concluso l’analista.