Notizie Notizie Italia Riunione Opec, G7 di Taormina con Donald Trump, Pil Usa e verbali Fed: ecco gli appuntamenti clou della settimana

Riunione Opec, G7 di Taormina con Donald Trump, Pil Usa e verbali Fed: ecco gli appuntamenti clou della settimana

La settimana sarà caratterizzata dall’attesa per la riunione Opec che si terrà a Vienna giovedì 25 maggio. Nel corso del vertice il cartello dei principali produttori di petrolio al mondo deciderà se prolungare di altri sei o nove mesi l’accordo dello scorso novembre che prevede il taglio alla produzione. A far ben sperare nel raggiungimento di un’intesa in tale direzione è il pre-accordo raggiunto nelle scorse settimane tra Arabia e Russia.

Nel frattempo l’oro nero rimane impostato al rialzo, con il Wti viaggia sopra i 51 dollari al barile. “I movimenti recenti suggeriscono che il prezzo del petrolio rimarrà volatile in vista dell’incontro dell’Opec, guidato da cambiamenti nel sentiment verso ulteriori tagli. In termini di entità del recupero del prezzo, una riunione dagli esiti positivi potrebbe vedere il petrolio attestarsi tra i 50 e i 55 dollari, mentre qualsiasi debolezza o mancanza di determinazione potrebbe vedere il petrolio scendere vicino a 40 dollari”, ha commentato Nizam Hamid, Etf strategist di WisdomTree, analizzando il possibile impatto del meeting Opec sulle quotazioni dell’oro nero. 

L’agenda macro della settimana

Questione Opec a parte, il calendario macro dell’ottava prevede nella giornata di martedì 23 la lettura preliminare degli indici Pmi manifatturiero e dei servizi di Francia, Germania e dell’intera zona euro. Sempre martedì da monitorare in Germania l’indice Ifo, che misura la fiducia degli imprenditori tedeschi, per il mese di maggio. Dagli Stati Uniti è attesa invece la lettura preliminare di maggio del Pmi manifatturiero e servizi, oltre all’aggiornamento dal mercato immobiliare con il dato sulle vendite di case nuove ad aprile. 

Mercoledì 24 maggio, prima dell’avvio degli scambi in Europa, in uscita il sondaggio Gfk sulla fiducia dei consumatori tedeschi, mentre nel pomeriggio Oltreoceano si attende il dato sulle vendite di case esistenti per il mese di aprile. In serata la Fed pubblica i verbali dell’ultima riunione. Minute che arrivano meno di un mese dal meeting di metà giugno della banca centrale americana durante il quale con molta probabilità sarà annunciato un nuovo rialzo del costo del denaro.

Giovedì 25, oltre al già citato appuntamento con la riunione dell’Opec, si segnala il Pil nel primo trimestre di Spagna e Gran Bretagna. Se per Madrid si tratta del dato finale per Londra è la prima lettura. Sempre in mattinata in uscita il dato italiano sugli ordini e le vendite industriali.

Infine venerdì 26 sono numerosi gli appuntamenti macro da tenere d’occhio. La giornata inizia con l’inflazione giapponese per il mese di aprile, prosegue poi alle 10 con l’Istat che comunica la fiducia dei consumatori e quella delle imprese a maggio. Importanti dati in arrivo dagli Usa, a cominciare dalla seconda lettura del Pil annualizzato relativo al primo trimestre, ma anche gli ordini di beni durevoli e la fiducia dei consumatori elaborata dall’università del Michigan.

Il 26 e il 27 maggio Taormina ospita la riunione del G7 a cui prenderà parte anche il presidente americano Donald Trump. Oltre ai leader dei Paesi G7 (Italia, Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti), presenti anche il presidente della Commissione Europea e quello del Consiglio dell’Unione Europea. Il secondo giorno si uniranno cinque capi di stato e di governo di paesi africani, oltre a sei organizzazioni internazionali e africane.