Notizie Notizie Mondo Poche sorprese dall’iPhone 14, Apple non alza i prezzi nonostante boom inflazione

Poche sorprese dall’iPhone 14, Apple non alza i prezzi nonostante boom inflazione

Apple ha alzato il velo sulla sua nuova linea di dispositivi con poche sorprese oltre ad una importante, ossia non aver aumentato i prezzi negli Stati Uniti in uno dei peggiori anni di alta inflazione degli ultimi decenni.

In occasione del suo più grande evento di lancio dell’anno, il colosso di Cupertino ha presentato l’iPhone 14, i nuovi auricolari AirPods Pro e un Apple Watch.

Apple svela i nuovi prodotti: ecco quali sono

L’iPhone mantiene l’aspetto generale della versione più vecchia con miglioramenti alla fotocamera, la tanto attesa funzione di messaggistica satellitare e, sui modelli di fascia più alta, una nuova interfaccia chiamata Dynamic Island.  “Sebbene molte delle caratteristiche annunciate oggi siano miglioramenti incrementali piuttosto che innovazioni rivoluzionarie, crediamo che Apple abbia fatto abbastanza per spingere la domanda convincendo i consumatori a fare l’upgrade e a concedersi i suoi nuovi prodotti”, ha dichiarato Neil Saunders, amministratore delegato della società di ricerca GlobalData Plc.

Le azioni Apple sono salite di quasi l’1% a 155,96 dollari a New York dopo la presentazione ma rimangono in calo del 12% su base annua, parte di una più ampia flessione dei titoli tecnologici.

La maggior parte degli aggiornamenti dell’iPhone riguarda la linea Pro di fascia più alta. Questi dispositivi avranno una fotocamera da 48 megapixel e uno schermo in grado di rimanere sempre acceso in modalità a basso consumo, simile alle recenti versioni dell’Apple Watch. Questo permetterà ai nuovi telefoni di mostrare widget con informazioni (meteo, appuntamenti del calendario e le quotazioni dei titoli azionari, per esempio) mentre il resto dello schermo rimane spento.

lI nuovo servizio satellitare, invece, consentirà agli utenti di inviare messaggi di messaggi di SOS senza una connessione cellulare. Apple prevede di offrire tale servizio gratuitamente per i primi due anni, a partire da novembre. Ma la vera novità riguarda i prezzi che non sono stati toccati.

Prezzi intatti

E questo a dispetto delle considerazioni degli analisti che avevano previsto che gli aumenti sarebbero stati imminenti.   “Ci sfidiamo costantemente ad alzare l’asticella e a migliorarla”, spiega l’amministratore delegato Tim Cook durante la presentazione. Secondo le previsioni, quest’anno Apple deterrà quasi il 49% del mercato statunitense degli smartphone secondo Insider Intelligence, con un aumento a quasi il 50% entro il 2024. L’azienda ha guadagnato sul sistema operativo Android di Google, utilizzato da concorrenti come Samsung.

L’iPhone rimane di gran lunga il prodotto più importante di Apple, generando da solo circa il 50% del fatturato dell’azienda e contribuisce ad alimentare ulteriori entrate da servizi come l’App Store e Apple TV+. Inoltre, spinge i clienti ad acquistare accessori come gli AirPods e l’Apple Watch.