Notizie Notizie Italia Mps: arriva l’ok di Consob, da domani riammessa a Piazza Affari

Mps: arriva l’ok di Consob, da domani riammessa a Piazza Affari

Una data per il ritorno a Piazza Affari di Banca Monte dei Paschi di Siena (Mps) ora c’è. A partire da domani (25 ottobre) Mps tornerà a scambiare in Borsa dopo la sospensione dalle negoziazioni decisa lo scorso dicembre da Consob. Proprio stanmattina l’istituto senese ha annunciato di avere ricevuto il via libera dall’istituto guidato da Vegas al documento di registrazione, alla nota informativa e alla nota di sintesi relative all’ammissione a quotazione sul Mta di Borsa Italiana alle azioni ordinarie di Mps. In particolare, si tratta delle nuove azioni emesse il primo agosto 2017, sottolinea la banca in una nota, a seguito dell’adozione delle misure di ripartizione degli oneri (il cosiddetto burden sharing) a seguito dell’aumento di capitale sottoscritto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef). Il documento di registrazione, la nota informativa e quella di sintesi costituiscono il prospetto informativo – redatto in forma tripartita – per la quotazione sull’Mta delle nuove azioni.

Consob ha altresì disposto revoca della delibera dello scorso 23 dicembre relativa alla sospensione temporanea delle negoziazioni nei mercati regolamentati, nei sistemi multilaterali di negoziazione e nei sistemi di internalizzazione sistematica italiani relativamente ai titoli emessi o garantiti da Banca Monte dei Paschi di Siena e agli strumenti finanziari aventi come sottostante titoli emessi da Mps. “La delibera entrerà in vigore il giorno lavorativo successivo alla data di pubblicazione sul sito internet della banca del prospetto informativo, con conseguente riammissione a quotazione dei titoli a partire da domani”, si legge in un comunicato.

La banca toscana ha inoltre comunicato al mercato la nuova composizione del capitale sociale di Mps, risultante dalla conversione dell’Isin temporaneo IT0005276768 dopo la pubblicazione del prospetto relativo alla quotazione delle nuove azioni. Pertanto, il capitale sociale – che rimane di ammontare complessivo invariato rispetto a quanto comunicato lo scorso 10 agosto, ossia pari a 15.692.799.350,97 euro – risulta composto da 1.140.290.072 azioni ordinarie.

Quanto ai risultati trimestrali, Mps ha inoltre fatto sapere che il resoconto intermedio di gestione relativo al terzo trimestre non sarà sottoposto all’approvazione del Consiglio di amministrazione il prossimo 27 ottobre ma sarà in calendario il prossimo 7 novembre.

In una seconda nota stampa Mps ha comunicato che Consob ha approvato il documento relativo all’offerta pubblica volontaria parziale di scambio e transazione, rivolta ai titolari delle azioni ordinarie della banca (codice Isin IT0005276776) rivenienti dalla conversione del prestito obbligazionario subordinato denominato “€2.160.558.000 Tasso variabile Subordinato Upper Tier II 2008 – 2018” (Codice Isin IT0004352586). La pubblicazione del documento di offerta “non potrà avvenire – si legge ancora in una nota – prima che venga trasmessa alla Consob copia del Decreto emanato dal Mef ai fini dell’acquisto da parte dello stesso Ministero delle azioni oggetto dell’offerta, dotato di efficacia”. Di conseguenza, “ove compatibile, il periodo di adesione all’offerta avrà inizio alle ore 8:30 del 30 ottobre 2017 e terminerà alle ore 16.30 del 17 novembre 2017 (estremi inclusi), salvo proroga”. La data in cui avverrà il regolamento dell’offerta sarà il prossimo 24 novembre. Infine, la società precisa che “per qualsivoglia ragione il Mef non adotti il decreto o, comunque, non lo pubblichi (ad esito dell’apposizione del visto sullo stesso da parte della Corte dei Conti) in tempo utile per avviare l’offerta e tenere la data di scambio entro il 25 novembre 2017, l’offerta non potrà essere finalizzata e si intenderà decaduta”.