Notizie Notizie Mondo Il ritorno di Adam Neumann: l’ex WeWork vuole rivoluzionare gli affitti con la startup Flow

Il ritorno di Adam Neumann: l’ex WeWork vuole rivoluzionare gli affitti con la startup Flow

Adam Neumann, cofondatore di WeWork, tenta una nuova avventura. Si chiama Flow la nuova società con cui Neumann tenta il riscatto tre anni dopo l’uscita da WeWork.   Flow mira a trasformare il mercato degli alloggi in affitto negli Stati Uniti.

Sebbene le intenzioni della startup non siano ancora chiare, si ritiene che si concentri sulla creazione di unità abitative guidate da una comunità e con un marchio, come riporta il New York Times.  La startup Flow arriva tre anni dopo l’uscita di Neumann da WeWork e sei anni dopo il lancio della sua breve attività di affitto chiamata WeLive. Il suo sito web attualmente presenta solo una semplice home page con le parole “Live Life in Flow” e una data di lancio del 2023. Tuttavia, è stato rivelato che la società di venture capital della Silicon Valley Andreessen Horowitz (A16z) ha investito circa 350 milioni di dollari nella società.

Andreessen ha suggerito che Flow potrebbe aiutare a trasformare “l’intera catena del valore, dal modo in cui gli edifici vengono acquistati e posseduti al modo in cui i residenti interagiscono con i loro edifici fino al modo in cui il valore viene distribuito tra le parti interessate”. Andreessen ha fatto intendere che Flow risponde alla “crisi abitativa” della nazione e alle “mutevoli dinamiche” del suo patrimonio immobiliare residenziale, esacerbate dalla pandemia di Covid-19. In un mondo in cui l’accesso limitato alla proprietà della casa continua a essere una forza trainante della disuguaglianza e dell’ansia, dare agli affittuari un senso di sicurezza, di comunità e di autentica proprietà ha un potere trasformativo per la nostra società”, ha dichiarato Andreessen. “Quando ci si prende cura delle persone a casa loro e si fornisce loro un senso di sicurezza fisica e finanziaria, le si autorizza a fare di più e a costruire cose. Risolvere questo problema è fondamentale per aumentare le opportunità per tutti”. Come riportato in passato da Esquire , Neumann ha trascorso gran parte dei suoi annidi inattività dopo la crisi di WeWork ad acquistare proprietà. Ha accumulato 90 milioni di dollari in residenze a New York e in California, ed è stato riferito che nel 2022 possiede quasi 4.000 appartamenti a prezzi accessibili in tutto il mondo per un valore totale di 1 miliardo di dollari. Neumann non è il primo imprenditore tecnologico che passa al settore immobiliare. In passato dichiarò al Washington Post che sarebbe diventato “il primo trilionario del mondo”.