Notizie Notizie Mondo Fed: attesa nuova stretta. Oltre ai tassi, sul tavolo la questione riduzione bilancio

Fed: attesa nuova stretta. Oltre ai tassi, sul tavolo la questione riduzione bilancio

Passaggio di testimone tra le banche centrali. Se meno di una settimana l’attenzione dei mercati era rivolta alla riunione della Banca centrale europea (Bce), oggi i mercati non distolgono gli occhi da Washington, dove tornano a riunirsi i membri del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve (Fed). Due giorni di discussioni che culmineranno con molta probabilità con l’annuncio di un nuovo rialzo dei tassi di interesse, dopo la stretta di marzo. E con i mercati che danno ormai per certo (probabilità al 99,6%) un aumento del costo del denaro di 25 punti base nel range 1-1,25%, l’interesse dei mercati sarà rivolto soprattutto alle dichiarazioni del presidente della Fed, Janet Yellen, nel corso della conferenza stampa che segue la decisione sui tassi. Da lì potrebbero così arrivare spunti interessanti sulle altre questioni sul tavolo della Fed, tra cui il problema della riduzione del bilancio.

“Molto importanti saranno le eventuali dichiarazioni sui piani per la riduzione del bilancio della banca centrale Usa (le stime sono per 5-10 miliardi di dollari al mese a partire da fine anno) e le proiezioni (“dot plots”) dei tassi di interesse per i prossimi anni, al fine di capire quanto “aggressiva” la Banca Centrale Usa vorrà essere”, sottolinea Alberto Biolzi, responsabile direzione wealth management di Cassa Lombarda.
Anche secondo Brian Horrigan, capo economista di Loomis Sayles & Company (Natixis Global AM), il meeting del Fomc di oggi sarà tutt’altro che noioso. A suo avviso, la Fed sembra infatti desiderosa di muoversi verso una normalizzazione dei tassi e del bilancio, probabilmente perché è improbabile che il presidente Usa Donald Trump confermi a gennaio un altro mandato a Janet Yellen. Anche secondo l’analisi di Brian Horrigan i temi da seguire oggi sono oltre al rialzo dei tassi di interesse, l’obiettivo bilancio, e la revisione del “dot plot”.

Sotto la lente: tassi, bilancio e proiezioni dot plot
La riduzione di bilancio, e la sua gestione rimane uno dei problemi principali per la Fed. “Probabilmente non vi sarà un piano dettagliato già questa settimana, ma ritengo che la Federal Reserve inizierà a comunicare le sue intenzioni al mercato”, ha commentato il capo economista di Loomis Sayles & Company. Su questo fronte saranno incrementate in modo graduale azioni concrete a partire dal prossimo autunno, scongiurando un ritorno del “Taper tantrum” del 2013.
La Fed pubblicherà anche un aggiornamento dell’indagine sulle proiezioni economiche, comprendente anche la revisione del “dot plot” che fornisce indicazioni sull’outlook della Fed relativo al percorso sui tassi di interesse. “Diversi investitori sembrano scettici sulla quantificazione delle misure restrittive della Fed nell’attuale ciclo, considerato che negli anni passati su questo punto i membri del Fomc si sono trovati ampiamente in disaccordo”, ha sottolineato Brian Horrigan, secondo il quale la revisione del dot plot dovrebbe però dare agli investitori indicazioni più precise.

Quando
Oggi è atteso il responso di politica monetaria della Fed. L’annuncio sui tassi è previsto per le 20 ora italiana, seguirà a partire dalle 20.30 la conferenza stampa di Janet Yellen. Inoltre saranno pubblicate le nuove proiezioni economiche.