Notizie Notizie Mondo Climate change: il fondatore di Patagonia cede la sua creatura, ma lo fa a modo suo

Climate change: il fondatore di Patagonia cede la sua creatura, ma lo fa a modo suo

Il fondatore di Patagonia, Yvon Chouinard, e la sua famiglia (moglie e due figli) hanno deciso di cedere la proprietà dell’azienda di abbigliamento outdoor, creata quasi cinquant’anni fa, e valutata 3 mld $ secondo il NYT, ad un fondo e a un’organizzazione no-profit dedicato alla lotta contro la crisi ambientale.

La Terra è ora il nostro unico azionista” scrive Chouinard. Chouinard aveva preso in considerazione l’idea di vendere l’azienda o di quotarla in borsa, ma ha optato per questa mossa insolita per garantire che i profitti dell’azienda siano destinati alla protezione dell’ambiente. “Un’opzione era vendere la Patagonia e donare tutti i soldi. Ma non potevamo essere sicuri che un nuovo proprietario avrebbe mantenuto i nostri valori o avrebbe mantenuto occupato il nostro team di persone in tutto il mondo”. L’altra strada possibile per era quella di rendere pubblica l’azienda.

“Che disastro sarebbe stato – taglia corto Chouinard in una lettera pubblicata sul sito di Patagonia – . Anche le società pubbliche con buone intenzioni sono sottoposte a troppa pressione per creare guadagni a breve termine a scapito della vitalità e della responsabilità a lungo termine”. “A dire il vero, non c’erano buone opzioni disponibili. Quindi, abbiamo creato il nostro”, ha scritto il fondatore di Patagonia. “Se abbiamo una speranza di avere un pianeta prospero, e ancor meno un’azienda, è necessario che tutti noi facciamo ciò che possiamo con le risorse che abbiamo. Questo è ciò che possiamo fare. Non ho mai voluto essere un uomo d’affari. Ho iniziato come artigiano, producendo attrezzatura per l’arrampicata per i miei amici e per me stesso, poi sono passato all’abbigliamento” continua l’83enne, leggenda dell’alpinismo americano.

“Quando abbiamo iniziato a constatare l’entità del riscaldamento globale e della distruzione ecologica, e il nostro contributo a questo fenomeno, Patagonia si è impegnata a utilizzare l’azienda per cambiare il modo di fare business”. Chouinard sottolinea come “Dobbiamo trovare un modo per destinare più denaro alla lotta contro la crisi, mantenendo intatti i valori dell’azienda. “Invece di estrarre valore dalla natura e trasformarlo in ricchezza per gli investitori, useremo la ricchezza che Patagonia crea per proteggere la fonte di ogni ricchezza.

Ecco come funzionerà il passaggio di consegne

Il 100% delle azioni con diritto di voto dell’azienda viene trasferito al Patagonia Purpose Trust, creato per proteggere i valori dell’azienda; e il 100% delle azioni senza diritto di voto è stato dato all’Holdfast Collective, un’organizzazione no-profit dedicata alla lotta contro la crisi ambientale e alla difesa della natura. Il finanziamento arriverà da Patagonia: Ogni anno, il denaro guadagnato dopo aver reinvestito nell’azienda sarà distribuito come dividendo per contribuire alla lotta contro la crisi.