Notizie Dati Macroeconomici Agenda macro: focus su inflazione Eurozona, ecco tutti gli appuntamenti clou della settimana

Agenda macro: focus su inflazione Eurozona, ecco tutti gli appuntamenti clou della settimana

agenda macro, appuntamenti settimana

L’agenda macro di quest’ultima settimana di giugno prevede diversi appuntamenti importanti. A cominciare dalla lettura preliminare sull’inflazione dell’Eurozona che potrebbe avere un impatto sulle decisioni della Bce. Il recente crollo dei prezzi del petrolio, che venerdì ha terminato la quinta settimana di fila in rosso (cosa che non accadeva da agosto 2015), apre infatti a nuovi dubbi sulle aspettative inflattive. “Al momento – sostiene Vincenzo Longo, market strategist di IG – fintantoché il petrolio dovesse mantenersi sopra i 40 dollari al barile non ci aspettiamo stravolgimenti di politica monetaria. Ma se i prezzi dell’oro nero dovessero scendere sotto tale soglia, il quadro si deteriorebbe sensibilmente”.

Guardando all’agenda macro, la lettura preliminare sull’inflazione dell’Eurozona, in uscita venerdì, sarà preceduta da quella italiana (mercoledì) e da quella tedesca (giovedì). Tra le indicazioni, da monitirare anche la lettura finale sul Prodotto interno lordo (Pil) degli Stati Uniti e della Gran Bretagna relativo al primo trimestre, in uscita rispettivamente giovedì e venerdì.

Lunedì 26 Giugno
Germania, Indice Ifo
Usa, Ordini beni durevoli maggio, USA
Ue, discorso Draghi a Lisbona

Martedì 27 Giugno
Usa, Fiducia consumatori
Usa, discorso Yellen a Londra

Mercoledì 28 Giugno
Italia, Tasso inflazione prel.
Usa, Bilancia commerciale
Usa, Scorte settimanali di petrolio

Giovedì 29 Giugno
Eurozona, Indici fiducia
Germania, Stima flash tasso inflazione
Usa, Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione
Usa, Terza lettura Pil I trim.

Venerdì 30 Giugno
Giappone, Tasso inflazione
Giappone, Tasso disoccupazione
Cina, Pmi manifatturiero
Germania, Vendite al dettaglio
Uk, Terza lettura Pil I trim.
Eurozona, Stima flash tasso inflazione
Usa, Redditi e consumi personali
Usa, Fiducia consumatori Univ. Michigan finale