News Notizie Notizie Mondo Twitter: Musk e il piano shock per licenziare il 75% dei dipendenti mentre la Casa Bianca vuole vederci chiaro

Twitter: Musk e il piano shock per licenziare il 75% dei dipendenti mentre la Casa Bianca vuole vederci chiaro

Il fondatore e ceo di Tesla Elon Musk è pronto a mettere alla porta il 75% dei dipendenti di Twitter, il social media che è tornato a voler acquistare per un valore di 44 miliardi di dollari. E’ quanto ha riportato il Washington Post, precisando che l’intenzione di lanciare il maxi taglio alla forza lavoro di Twitter sarebbe stata comunicata dallo stesso Musk ad alcuni investitori.

La raffica di licenziamenti dovrebbe avvenire nei prossimi mesi, a prescindere – si legge nei documenti visionati dal quotidiano americano – da chi prenderà il controllo del gruppo.

Proprio nel mese di luglio, la stessa Twitter aveva annunciato che stava già provvedendo a “ridurre in modo significativo le assunzioni”, nel bel mezzo della crisi che ha colpito l’industria tecnologica made in Usa -e non solo-dove diverse sono le società costrette ad annunciare congelamenti di assunzioni e/o licenziamenti.

Durante la notte l’agenzia di stampa Bloomberg ha tuttavia riportato che, da un rapporto interno di Twitter, emergerebbe che “non ci sono piani per un qualsiasi licenziamento interno alla società”.

Il Guardian riporta intanto che la soap opera Musk-Twitter ha depresso così tanto il morale dei dipendenti del gruppo di microblogging, che molti hanno deciso di mollare il proprio posto di lavoro.

Il titolo Twitter è crollato fino a -16% nelle contrattazioni dell’afterhours di Wall Street, dopo che alcune indiscrezioni hanno indicato la possibilità di un controllo sulle attività di Musk da parte dello stesso ufficio di Sicurezza Nazionale dell’amministrazione di Joe Biden.

Nel mirino, sia l’acquisizione di Twitter che la rete di satelliti Starlink.

Di recente è arrivata la notizia relativa alla minaccia di Musk di interrompere la fornitura del servizio satellitare Starlink all’Ucraina – che gli sarebbe costata, a suo dire, 80 milioni di dollari –, a meno che la Casa Bianca non si accolli le spese.

Il numero uno di Tesla ha chiesto al Pentagono di contribuire, per fare poi dietrofront.

Joe Biden vorrebbe avere maggiori informazioni sia sull’obiettivo di Musk di prendere il controllo di Twitter che sulle attività di Space X, la sua società di satelliti.

Il titolo Twitter riduce sensibilmente le perdite delle ultime ore, scendendo in premercato a Wall Street il 4,5% circa. Tesla cede l’1,8%.