News Notizie Valute e materie prime Petrolio in rialzo in seguito ai dati macro statunitensi e taglio produzione OPEC

Petrolio in rialzo in seguito ai dati macro statunitensi e taglio produzione OPEC

I prezzi del petrolio viaggiano in rialzo fino a $ 1, in seguito dei nuovi dati statunitensi che hanno abbassato i timori di recessione.

I future sul greggio Brent guadagnano 73 centesimi, o 0,73%, a $ 100,07 al barile, mentre i future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono in rialzo dello 0,84%, a $ 92,93.

Entrambi i contratti sono aumentati di ben $ 1 all’inizio degli scambi dopo essere crollati di circa $ 2 giovedì.

Dati migliori del previsto sull’economia statunitense hanno contribuito a dissipare i timori che fosse in corso una recessione.

L’economia statunitense si è contratta a un ritmo più moderato di quanto inizialmente pensato nel secondo trimestre, grazie alla spesa dei consumatori ha attenuato parte del freno dovuto a un forte rallentamento dell’accumulo di scorte.

Un ulteriore sostegno sui prezzi è arrivato dalla prospettiva che l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) riduca la produzione per compensare il ritorno dei barili iraniani sui mercati petroliferi se Teheran dovesse concludere un accordo nucleare con l’Occidente.

Venerdì, gli Emirati Arabi Uniti sono diventati l’ultimo membro dell’OPEC+ a sostenere un possibile taglio della produzione di petrolio.

“Il gruppo di produttori è intenzionato a salvaguardare il prezzo minimo di $ 100/bbl e, in quanto tale, il potenziale di ribasso sembra limitato”, ha affermato l’analista di PVM Stephen Brennock.

Teheran sta riesaminando la risposta di Washington a un’offerta finale redatta dall’Unione Europea per rilanciare l’accordo nucleare. Non è chiaro, tuttavia, quanto velocemente riprenderebbero le esportazioni di petrolio iraniane qualora si raggiungesse un accordo.