News Notizie Notizie Italia Enel: riacquista per cassa prestito obbligazionario ibrido perpetuo per complessivi 700 mln

Enel: riacquista per cassa prestito obbligazionario ibrido perpetuo per complessivi 700 mln

18 Gennaio 2023 09:01

Enel, dopo aver lanciato con successo il 9 gennaio sul mercato europeo l’emissione di prestiti obbligazionari non convertibili, subordinati ibridi perpetui con denominazione in euro e destinati a investitori istituzionali per un ammontare complessivo pari a 1,75 miliardi di euro, annuncia i risultati dell’offerta volontaria, lanciata il 9 gennaio e conclusa il 16 gennaio 2023, volta a riacquistare per cassa, e successivamente cancellare, tutto o parte del proprio prestito obbligazionario ibrido perpetuo da 750 milioni di euro equity-accounted in circolazione con prima call date ad agosto 2023, cedola del 2,500%. Il regolamento dell’operazione di riacquisto è previsto per il 20 gennaio 2023.

L’ammontare accettato da parte di Enel per l’acquisto per effetto della tender offer sul Prestito Obbligazionario in euro è pari a 699.970.000, mentre l’importo nominale che rimarrà in circolazione è pari a 50.049.000 euro.

A seguito del completamento positivo dell’offerta sul prestito obbligazionario ibrido perpetuo denominato in euro, non trova applicazione l’ammontare massimo di accettazione (Capped Maximum Amount) per la concomitante offerta sul bond ibrido da 1.250 milioni di dollari USA con scadenza a settembre 2073, call date a settembre 2023 e cedola del 8,750%.

Per effetto del venir meno del Capped Maximum Amount, Enel accetterà tutte le offerte validamente presentate in relazione al Prestito Obbligazionario in Dollari USA, eliminando qualsiasi rischio di ripartizione proporzionale per gli investitori che hanno presentato validamente suddette offerte.

Le operazioni sono finalizzate ad assicurare una gestione attiva del portafoglio dei titoli ibridi di Enel, con l’obiettivo di ottimizzare le operazioni di finanziamento del Gruppo in linea con la strategia finanziaria di Enel delineata nel Piano Strategico 2023-2025.