Sulla moneta unica europea gravano diversi fattori combinati che aumentano l'incertezza e la volatilità sull'Euro.
Inizialmente, abbiamo visto nella settimana appena trascorsa un livello di inflazione stabile, ovvero un valore molto importante che allontana una possibile decisione della BCE, prevista per il 6 marzo alle 13:45, di imporre tassi negativi.
In Europa pesa però anche il fattore politico legato all'Ucraina, pertanto sarà da monitorare con assoluta attenzione la situazione nel paese filo russo, con possibili ripercussioni su tutte le borse mondiali, in particolare quelle del vecchio continente. Tale incertezza potrebbe far aumentare in questi giorni la domanda verso beni rifugio quali ad esempio Oro, Argento e altri metalli preziosi.
Mentre in USA si è registrato al ribasso, oltre le attese, il dato relativo alla crescita, pertanto si prevedono tassi bassi a lungo termine e quindi un dollaro debole.
Per tutti i Forex Trader c'è da prestare assoluta attenzione anche alla forzata svalutazione dello Yuan cinese, effettuata per rinforzare la competitività persa nei confronti del vicino Giappone il quale ha già da tempo svalutato la propria moneta.

QUADRO TECNICO:

EUR/USD: attualmente il cambio si sta muovendo proprio nei pressi del valore chiave a 1,3777. L'outlook settimanale rimane sicuramente positivo, pertanto per la giornata di oggi in caso di un leggero ribasso tentiamo dei punti di acquisto nella fascia 1,3740 – 1,3687. Mentre per una decisa ripartenza al di sopra di 1,3777 i primi livelli di presa di beneficio sono posti a 1,3823 – 1,3832 – 1,3894.
Pertanto nella giornata tenterei unicamente degli acquisti sui livelli sopra menzionati, cercando dei punti di supporto ottimali per una ripresa del cambio, prestando attenzione alla situazione Ucraina .

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: eur%20usd%20oggi.jpg
Visite: 70
Dimensione: 67.8 KB
ID: 391