Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Stop Loss

  1. #1
    avete strategie particolari per piazzare i vostri stop loss? sono solito impostare un margine di perdita che reputo accettabile aiutandomi con l'analisi tecnica e supporti/resistenze di breve. devo dire però che talvolta, specie shortando mi scattano addosso chiudendomi la posizione e magari dopo poco il titolo riprende il trend previsto. Ho deciso allora di documentarmi sulle diverse strategie ed ho trovato veramente una marea di scuole differenti [dal double bottom del minimo precedente ad esotiche percentuali tra la perdita massima ed il guadagno massimo ipotizzato - cose discretamente complesse, anche, devo dire]. per vostra esperienza come fissate i vs stop e quale scuola "preferite"? grazie! ciao!

  2. #2
    PURTROPPO nn ci sia una scula-verità. quando faccio tradig giornaliero il mio stop è -0.50,sotto questa soglia tutto può accadere! accade anche cio che tu dici...magari il titolo si riprende...,ma,quando seguo questa logica puo accadere che il titolo nn si riprenda e quindi rimango incastrato. allora: piuttosto che rimanere incastrato preferisco sopportare una perdita minima. se rimani incastrato nn hai + liquidità per rifarti. dunque piuttosto di stabilire il target di vensita, preferisco come 1 cosa stabilire lo stop!....ma...in questo occorre essere rigorosi e disciplinati! mi piacerebbe sentire le tue esperienze e tecniche.ciao

  3. #3
    E' vero che se rimani incastrato non ha più liquidità, ma il "trucco" sta nel trovare un titolo "forte", che sia quindi in grado di riprendersi in breve tempo. Io da mesi addocchio Allianz, ad esempio. Un titolo che dal minimo (48 euro circa) ad oggi (68 euro circa) ha impiegato 1 o 2 settimane a riprendersi e stabilizzarsi.

    Evitare quindi, specie per investimenti di buone quantità di capitale (>10.000 euro) di farsi prendere dall'euforia dell'acquisto (magari nel momento sbagliato), ma soprattutto evitare categoricamente di farsi prendere dalla paura in caso di tracollo. Se il titolo è forte e comunque non destinato a sparire (allianz ad esempio ha avuto minimo storico di 48 euro e massimo storico di 170 euro, ad oggi sta a 68 euro e posso ben sperare che salga ancora evidentemente), non serve molto tempo per recuperare l'investimento e magari andare pure in gain beccando il periodo giusto.

    Affrontare un periodo di crollo e "restare calmi", (a parte che potenzialmente ti porta ad un livello di gain perchè una risalita è sempre ipotizzabile anche nel breve/medio periodo) è anche una vittoria "psicologica" non indifferente. Per un giocatore, una perdita è sempre una sconfitta. A volte addirittura in un crollo la cosa migliore è comprare ancora, per ovvi motivi.

    Penso ancora a quei "paraculi" che si sono comprati allianz il giorno del tracollo o poco dopo (da 48 a 55 euro) per rivenderla dopo non più di 10 giorni a 67 euro secchi ed essersi visti un boom da 76 euro nel giro di non più di 40 giorni...!

  4. #4
    Não podemos dirigir o vento... Mas podemos ajustar as velas.

  5. #5
    Operando con una leva di 20 imposto a -2,5%, in pratica lo stop loss mi fa perdere metà investimento

  6. #6
    Ciao,
    io dopo un po' di trading improvvisato ho deciso di documentarmi bene e sono ancora in fase di studio...
    Sulle metodologie che ho trovato nei vari libri, specialmente di money e risk managment, quella che ho trovato più interessante consiste nel determinare a priori quanto sono disposto a perdere (1%) per ogni singolo trade del mio capitale iniziale (facciamo 10.000€).
    Quindi 100€.
    Colloco lo stop loss da 1 a 5 tick, in base alla volatilità del titolo, sotto il minimo della giornata precedente e di conseguenza, dimensiono l'investimeno in base al prezzo d'entrata.
    Questo a grandi linee è la metodologia che sulla carta... non l'ho ancora provata... mi ha convinto di più perchè tiene conto del capitale iniziale e di quanto ci smeno al massimo per ogni singolo trade, inoltre della volatilità del titolo che andiamo a trattare...
    Fissare una percentuale fissa di stop loss su un titolo ad alta volatilità da risultati completamente differenti che su un titolo a bassa volatilità...
    Un' ultima cosa che comunque già ti è stata detta...
    Su tutto ciò che ho letto una cosa viene sempre ripetuta:
    Scelta una modalità d'investimento, andare avanti con quella e non cambiarla in corso...
    Piuttosto fare un break dopo un po' di mesi, fare le giuste considerazioni ed eventualmente rivedere la strategia ma mai decidere di improvvisare caso per caso...
    Se vuoi ti posso suggerire i testi sui quali sto studiando...
    Ciao

  7. #7
    Citazione Originariamente Scritto da coimbraz
    Ciao,
    Colloco lo stop loss da 1 a 5 tick, in base alla volatilità del titolo, sotto il minimo della giornata precedente e di conseguenza, dimensiono l'investimeno in base al prezzo d'entrata.(..)

    (..)Fissare una percentuale fissa di stop loss su un titolo ad alta volatilità da risultati completamente differenti che su un titolo a bassa volatilità...(..)


    Ciao
    son d'accordo coimbraz, nel fissare gli SL, della volatilità del titolo o indice bisogna tenerne in qualche modo conto. L'articolo che avevo linkato dice in sostanza questo.
    L'ultima crisi finanziaria con la volatilità alle stelle ha costretto tutti a ripensare la questione.

    ciao
    fortis
    Não podemos dirigir o vento... Mas podemos ajustar as velas.

  8. #8
    ciao mi molto piacere notare che altri abbiano approfondito l'argomento, mi spiace non essere molto presente piu su questo forum per motivi di lavoro, ho stampato tutte le vs risposte, adirittura uno di voi mi ha contattato a casa per fornirmi materiale, grazie! condivido tutto quanto detto, la mia tecnica attuale, semplice ma efficace, è analoga a quanto proposto da coimbraz, uso molto l'AT appunto per tagliare graficamente gli spike dovuto solo alla volatilità del titolo, sostanzialmente con smoothing logaritmici per nn impazzire e poi traccio una sorta di figura a rettangolo/bandiera per individuare un ipotettico trading range....ho trovato sul sito della Siat un interessante studio su stop loss e medie mobili, mi riprometto di essere da voi non appena avrò un po piu di tempo! grazie a tutti bravi siete in gamba e proponitivi ce ne sono ormai pochi qui sopra! ciaoooooooooo!

  9. #9
    Bene, fa piacere che possa esserti risultato utile quanto detto...
    Magari quando riesci, puoi illustrare un po' più dettaglitamente la tua procedura in modo da fare un confronto di metodologie e ricavarne spunti utili per migliorare la propria attività di trading...

  10. #10
    Citazione Originariamente Scritto da the oc
    la mia tecnica attuale, semplice ma efficace, è analoga a quanto proposto da coimbraz, uso molto l'AT appunto per tagliare graficamente gli spike dovuto solo alla volatilità del titolo, sostanzialmente con smoothing logaritmici per nn impazzire e poi traccio una sorta di figura a rettangolo/bandiera per individuare un ipotettico trading range....!
    se ho capito bene, qualche cosa di simile a quello che si fa con le mma, vedi grafici a pagina 2 e 12.

    ciao
    fortis

    http://www.tass.org.sg/LinkClick.asp...bid=54&mid=660
    Não podemos dirigir o vento... Mas podemos ajustar as velas.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •