Notizie Notizie Mondo Netflix torna a crescere: numero abbonati supera i 2 milioni

Netflix inverte rotta: nuove serie TV attirano oltre 2 milioni di abbonati in più

Netflix cresce di nuovo e registra 2,41 milioni di clienti in più nel terzo trimestre, superando le previsioni interne e le aspettative di Wall Street.

La società è cresciuta in tutte le regioni del mondo e in una lettera agli azionisti, ha dichiarato che prevede di registrare altri 4,5 milioni di clienti a livello globale in questo periodo. Sebbene non stia crescendo con la stessa velocità di un paio di anni fa, Netflix è tornata su una traiettoria positiva. I clienti che si iscrivono sono più numerosi rispetto all’inizio dell’anno, una buona notizia per gli investitori di Netflix e dei suoi concorrenti, che hanno subito forti perdite in borsa all’inizio dell’anno. “Grazie a Dio abbiamo finito con i trimestri in calo”, ha dichiarato il cofondatore e presidente Reed Hastings durante un’intervista webcast con l’analista Doug Anmuth. Le azioni di Netflix sono salite fino al 16%, a 278,94 dollari, dopo la pubblicazione dei risultati. Il titolo è sceso del 60% quest’anno fino alla chiusura di martedì a New York. Altre società di streaming, come Roku Inc. e Walt Disney Co. sono salite.

Netflix torna a crescere grazie a Stranger Things e non solo

Ad attirare milioni di nuovi spettatori nel terzo trimestre una serie di programmi nuovi. Il periodo buono è iniziato con i nuovi episodi di Stranger Things, una delle serie TV più popolari al mondo. Tra le altre serie di successo “Monster: La storia di Jeffrey Dahmer”, la seconda serie originale in lingua inglese più popolare. I ricavi del trimestre sono cresciuti del 5,9% a 7,93 miliardi di dollari, battendo le previsioni degli analisti e anche l’utile di 3,10 dollari per azione ha superato le stime e il numero di clienti paganti è salito a 223,1 milioni. Ma non sarà tutto rose e fiori in futuro. Netflix sta ancora scontando la crescita più lenta degli ultimi anni. L’azienda ha perso 1,2 milioni di clienti durante la prima metà dell’anno, un calo che ha portato gli investitori e i concorrenti a riconsiderare che ha portato gli investitori e i colleghi a riconsiderare i loro investimenti nello streaming.

L’impennata del dollaro sta riducendo i ricavi e gli utili. Netflix ha dichiarato di essere in grado di adeguare la spesa per i contenuti e i prezzi, ma le sue previsioni per le vendite e gli utili del quarto trimestre sono state inferiori alle stime di Wall Street. La società stima un fatturato di 7,78 miliardi di dollari per questo trimestre, al di sotto dei 7,98 miliardi di dollari previsti dagli analisti. Gli utili dovrebbero attestarsi a 36 centesimi per azione, una frazione degli 1,20 dollari stimati da Wall Street.

“Non stiamo ancora crescendo alla velocità che vorremmo”, ha dichiarato il direttore finanziario Spencer Neumann. Ciononostante, Hastings e Ted Sarandos, co-amministratori delegati della società, sostengono che Netflix abbia molto spazio per crescere. Il servizio rappresenta circa l’8% della visione televisiva negli Stati Uniti e nel Regno Unito, due dei suoi maggiori mercati e sta aggiungendo quote di mercato ogni anno. Il board della società prevede di aumentare le vendite introducendo una versione del servizio di streaming supportata da pubblicità e facendo pagare la condivisione delle password l’anno prossimo. I clienti Netflix che accettano cinque minuti di pubblicità all’ora potranno pagare 7 dollari al mese. Un livello di prezzo più basso potrebbe aiutare Netflix a ridurre il numero di persone che cancellano il servizio o di attrarre nuovi clienti in mercati in cui la crescita è rallentata.