Notizie Notizie Mondo Opec+, ancora un ‘complesso gioco di equilibri’: scetticismo su revisione produzione petrolio a settembre

Opec+, ancora un ‘complesso gioco di equilibri’: scetticismo su revisione produzione petrolio a settembre

I prezzi del petrolio sono poco mossi in attesa del meeting dell’Opec+, con il Wti stabile a 94 dollari al barile (-0,09%) e il Brent attorno ai 100 dollari al barile (-0,15%). Gli esperti si mostrano scettici sul fatto che il Cartello risponderà alla richiesta di Biden di aumentare l’offerta nella riunione odierna. Secondo un sondaggio di Bloomberg, è più probabile che l’Opec+ mantenga la produzione stabile a settembre piuttosto che concordare un aumento.

Questa sarà la prima riunione con nuovo Segretario Generale, il delegato del Kuwait, Haitham al-Ghais, dopo la morte di Mohammed Barkindo, il delegato della Nigeria.

“Un cambiamento sostanziale nella politica di approvvigionamento dell’Opec+ sarebbe sorprendente. Diversi membri dell’organismo stanno producendo un quantitativo minore rispetto alle loro quote, il che suggerisce una reale incapacità di aumentare l’offerta”, ha affermato Noah Barrett, Research Analyst di Janus Henderson.

L’Opec e i paesi alleati stanno valutando due scenari: un modesto aumento della produzione di petrolio o il mantenimento della produzione ai livelli attuali.

Il cartello dell’energia più importante del mondo guidato dall’Arabia Saudita ha subito forti pressioni per aumentare la produzione e aiutare la discesa dei prezzi petroliferi, in particolar modo dopo il viaggio del presidente statunitense Joe Biden in Medio Oriente.

Tuttavia ricordiamo che il gruppo ha spazio di manovra abbastanza limitato al di là di trovare un equilibrio tra Opec e i membri partner tra i quali anche la Russia, lo Stato con la maggiore capacità inutilizzata, l’Arabia Saudita è sempre più vicina al limite di pompaggio. Ricordiamo che il regno sta attualmente producendo circa 10,5 milioni di barili al giorno, secondo persone a conoscenza dei fatti che hanno parlato con il Wall Street Journal, sostengono che il paese faticherebbe a produrre 11 milioni di barili al giorno per più di qualche mese di seguito e più di 12 milioni di barili al giorno per più di poche settimane.

Complessivamente la capacità inutilizzata è destinata a quasi dimezzarsi a 1,7 milioni di barili al giorno il prossimo anno, secondo il report dell’Opec. Mentre si ridurrà a un minimo di 400.000 barili al giorno nel 2024 quando i produttori risponderanno all’aumento della domanda di petrolio.

 

Meeting Opec +, secondo gli analisti la quota di produzione per settembre rimarrà invariata

“Finora il recente viaggio del presidente Biden in Arabia Saudita non ha ancora prodotto aumenti significativi dell’offerta. La maggior parte degli analisti ritiene che la quota Opec+ per settembre rimarrà invariata. Tuttavia, qualsiasi aumento a sorpresa dell’offerta (gli analisti che scommettono su un incremento stanno puntando l’intervallo da 200.000 a 1 milione di barili al giorno) colpirebbe i prezzi del greggio, sarebbe positivo per gli asset rischiosi e probabilmente spingerebbe il dollaro al ribasso” scrivono gli analisti di ING in una nota.

Secondo Noah Barrett di Janus Henderson, “La capacità di riserva si trova effettivamente in due Paesi: Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti e non è chiaro quanto questi siano disposti ad aumentare la produzione. Con i prezzi del Brent in calo rispetto ai massimi storici, è probabile che ci sia meno urgenza di riportare sul mercato i barili aggiuntivi, anche se paesi come gli Stati Uniti hanno chiesto all’Arabia Saudita di aumentare l’offerta. Nel complesso, riteniamo che si possa assistere a qualche previsione su un leggero aumento di offerta, ma gli incrementi di volume effettivi saranno piuttosto ridotti.”

Ricordiamo che secondo l’ultimo report di Opec, il cartello vede la domanda globale rallentare a 2,7 milioni di barili al giorno nel 2022, inoltre prevede che la crescita globale scenderà al 3,2% nel 2023 dal 3,5% di quest’anno. Il mese scorso, l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ha tagliato le previsioni sulla domanda di petrolio di 240.000 barili al giorno per il 2022.