Notizie Notizie Mondo Liz Truss cede a pressione mercati e cancella taglio tasse ai ricchi. La sterlina rifiata

Liz Truss cede a pressione mercati e cancella taglio tasse ai ricchi. La sterlina rifiata

Il governo britannico fa dietrofront sui tagli delle tasse ai ricchi. Stamattina il Cancelliere dello Scacchiere, Kwasi Kwarteng, ha annunciato che verrà annullato il piano per abolire l’aliquota fiscale massima del 45%. Un dietrofront che arriva a soli 10 giorni dal varo del mini-budget che aveva provocato una violenta reazione dei mercati con sterlina ai minimi storici e forti vendite sui Gilt, i titoli di Stato britannici.

“È chiaro che l’abolizione dell’aliquota fiscale massima è diventata una distrazione dalla nostra missione principale di affrontare le sfide che il nostro Paese deve affrontare”, ha affermato Kwarteng in una nota. “Di conseguenza, sto annunciando che non stiamo procedendo con l’abolizione dell’aliquota fiscale di 45 pence. L’abbiamo capito e abbiamo ascoltato”. “Questo ci consentirà di concentrarci sulla realizzazione delle parti principali del nostro pacchetto di crescita”.

Kwarteng nell’annunciare 10 giorni fa il pacchetto fiscale aveva affermato che tagliare l’aliquota fiscale più alta avrebbe incoraggiato più imprenditori e persone facoltose a venire nel Regno Unito, stimolando la crescita economica e creando posti di lavoro.

L’inversione a U di Kwarteng arriva all’indomani della conferenza annuale del Partito conservatore in cui gli ex ministri di gabinetto Michael Gove e Grant Shapps si sono uniti a un coro crescente dicendo che la misura dovrebbe essere abolita. La premier Liz Truss già ieri si era espressa facendo un parziale mea culpa: “Capisco le preoccupazioni per quello che è successo questa settimana”, ha detto la Truss alla BBC, aggiungendo: “Sostengo il pacchetto che abbiamo annunciato e sostengo il fatto che lo abbiamo annunciato rapidamente perché dovevamo agire, ma accetto che avremmo dovuto gettare le basi meglio”. Liz Truss ieri ha rifiutato di impegnarsi per aumentare i benefici del welfare in linea con l’inflazione.

Mentre si prevedeva che la rimozione dell’aliquota fiscale massima sarebbe costata solo circa 2 miliardi su un piano di taglio delle tasse da 45 miliardi di sterline, era l’elemento più accattivante di un pacchetto fiscale che doveva essere finanziato con prestiti governativi, con Kwarteng che non aveva spiegato come sarebbe stato pagato a lungo termine.