Notizie Notizie Mondo Elon Musk lancia un avvertimento terribile sull’economia

Elon Musk lancia un avvertimento terribile sull’economia

Elon Musk è preoccupato per l’economia. Da diversi mesi ormai, l’uomo più ricco del mondo continua a lanciare l’allarme per cui l’economia rischia una profonda recessione se la politica monetaria della banca centrale rimane invariata.  

La Federal Reserve terrà nei prossimi giorni l’ultima riunione monetaria dell’anno e nell’attesa il famoso imprenditore ha appena fatto una nuova previsione. E come le sue precedenti previsioni, anche questa è molto allarmante.

La Federal Reserve ha alzato bruscamente i tassi di interesse negli ultimi mesi, portando il tasso di riferimento da quasi zero durante la pandemia a un intervallo compreso tra il 3,75% e il 4%, nel tentativo di combattere l’inflazione, che è ai massimi degli ultimi 40 anni. Ma molti economisti sostengono che questa politica monetaria aggressiva farà precipitare l’economia in una recessione.

L’allarme di Musk

La banca centrale terrà una riunione di due giorni il 13 e 14 dicembre. Si prevede che i responsabili politici aumenteranno i tassi di 50 punti base, dopo quattro rialzi consecutivi di 75 punti base. Inoltre, la Fed pubblicherà le sue prime previsioni trimestrali da settembre. Questo fornirà indizi su come la banca centrale vede l’economia statunitense nei prossimi anni.

Musk ritiene che se la Fed annunciasse un rialzo dei tassi come previsto, sarebbe un errore madornale. La decisione farebbe precipitare l’economia in una recessione ancora più grave di quella già prevista. “Se la Fed alzerà ancora i tassi la prossima settimana, la recessione sarà notevolmente amplificata”, ha dichiarato il miliardario il 9 dicembre su Twitter. L’amministratore delegato di Tesla concorda con l’investitore Cathie Wood, che continua ad affermare che un continuo rialzo dei tassi causerà la deflazione, un rischio già indicato da Musk lo scorso settembre.

“Il mercato obbligazionario sembra segnalare che la Fed sta commettendo un grave errore”, ha scritto Wood il 7 dicembre. “A -80 punti base (misurati dai rendimenti dei Treasury a 10 anni rispetto a quelli a 2 anni), la curva dei rendimenti è più invertita ora che in qualsiasi altro momento dai primi anni ’80, quando l’inflazione a due cifre era radicata”. Ha aggiunto: “In genere, una curva dei rendimenti invertita indica una recessione e/o un’inflazione più bassa del previsto. A nostro avviso, la deflazione è un rischio molto più grande dell’inflazione. I prezzi delle materie prime e i massicci sconti al dettaglio confermano questo punto di vista”. Musk ha risposto: “Assolutamente sì”, il 9 dicembre.

Ma l’economista Peter Schiff non è d’accordo con i due imprenditori influencer. “In realtà la curva dei rendimenti riflette le aspettative degli investitori secondo cui la #Fed riuscirà a far scendere l’#inflazione al 2%”, ha commentato Schiff sul post di Musk. “Gli investitori si sbagliano. L’unica cosa che la Fed riuscirà a fare è peggiorare la #recessione, che schiaccerà il dollaro e farà impennare i prezzi al consumo”. Il divario tra i titoli a 3 mesi e quelli a 10 anni è di circa 80 punti base, il più alto dal 2001 e un preoccupante presagio di recessione. Secondo uno studio della Federal Reserve di San Francisco, un’inversione sostenuta della curva dei rendimenti ha preceduto tutte le nove recessioni che l’economia statunitense ha subito dal 1955, rendendola un barometro estremamente preciso del sentiment dei mercati finanziari.

Lo scorso settembre, l’imprenditore ha avvertito che un aumento massiccio dei tassi di interesse avrebbe causato una deflazione a lungo termine. “Un grande aumento dei tassi della Fed rischia la deflazione”, ha dichiarato l’amministratore delegato di SpaceX. Le conseguenze della deflazione possono essere devastanti per l’economia, perché il calo dei prezzi incoraggia le famiglie a rimandare le decisioni di acquisto in attesa di un ulteriore calo dei prezzi.  Questo a sua volta può portare a un calo dei consumi complessivi e a un aumento delle scorte presso le aziende, che non riescono più a vendere i loro prodotti. In risposta, riducono la produzione e gli investimenti. Insomma un effetto domino devastante.