Notizie Notizie Mondo Chi gestisce la ricchezza (e i capricci) di Elon Musk?

Chi gestisce la ricchezza (e i capricci) di Elon Musk?

Si chiama Jared Birchall l’uomo che da sei anni a questa parte funge da braccio destro di Elon Musk, patron di Tesla e Space X, aiutandolo a gestire la sua immensa fortuna.

Non mancano le complessità nella gestione di tutto ciò che riguarda Musk. La vita del miliardario è complicata. Fa spesso viaggi con un jet privato e prende decisioni importanti, come la vendita di tutte le sue case o l’acquisto di una società di social media, in modo piuttosto repentino. Tutto questo avviene mentre la sua famiglia, già numerosa, cresce insieme al suo profilo. C’è qualcuno che deve occuparsi di cose importanti come organizzare il jet, vendere le case, contattare i banchieri, assumere le tate e le guardie di sicurezza. E per Musk tutto già lo fa Birchall.

Di recente Birchall ha dato il suo contribuito anche a creare le condizioni per l’offerta su Twitter con un complesso pacchetto di finanziamenti che inizialmente includeva un prestito record di 12,5 miliardi di dollari legato alla partecipazione di Musk in Tesla.

Birchall faceva parte della ristretta cerchia di persone che hanno interagito con il gotha di Wall Street per ottenere i prestiti che sono stati fondamentali per garantire l’affare. Pur non avendo l’esperienza necessaria per gestire acquisizioni multimiliardarie, Birchall ha aiutato le banche – con l’assistenza del suo ex datore di lavoro, Morgan Stanley – a ottenere il finanziamento.

Pochi giorni fa Musk ha reso noto che un gruppo di investitori stava apportando più di 7 miliardi di dollari di capitale. Tra questi figurano il miliardario di Oracle, Larry Ellison, la società di venture capital Sequoia Capital e la borsa di criptovalute Binance. Una persona vicina a Binance ha detto che Birchall è stato uno dei punti di contatto per l’accordo oltre la linea. “Non è assolutamente d’accordo con la censura. Soprattutto per un presidente in carica. È una follia”, ha scritto Birchall in un messaggio di dicembre a Charles Johnson, un ex politico di destra diventato investitore tecnologico, che è stato bandito da Twitter dopo essere stato denunciato per molestie.

Ma chi è Jared Birchall? Per la maggior parte della sua carriera, come i migliori manager, Birchall ha operato per lo più in secondo piano. Gli ex compagni di classe della Brigham Young University dicono di non ricordarsi di lui, così come gli ex colleghi della Merrill Lynch, dove è stato licenziato per cattiva condotta. Ma Birchall, 47 anni, è una delle persone più importanti nella cerchia di Musk. È a capo del family office del leader di Tesla e della sua nascente fondazione, Excession, e gestisce molte delle attività personali di Musk. Le persone che lo conoscono descrivono Birchall come un uomo mite, che è essenzialmente il gestore di un miliardario capriccioso che suscita spesso polemiche. Questo ruolo è diventato sempre più complesso man mano che la ricchezza di Musk è passata da pochi miliardi a decine di miliardi e centinaia di miliardi.

Birchall ha iniziato a lavorare nella finanza presso Goldman Sachs Group Inc. dopo essersi laureato a Brigham Young nel 1999. È stato un periodo breve: nel 2000 è passato a lavorare nel settore dei patrimoni privati presso Merrill Lynch a Los Angeles, dove è stato licenziato per aver “inviato corrispondenza a un cliente senza l’approvazione della direzione”, secondo un rapporto normativo.

Nel 2010 Birchall è entrato a far parte di Morgan Stanley, dove una persona che conosceva il suo periodo di lavoro lo ha descritto come una persona normale ma piuttosto bravo a gestire le fortune dei ricchi.  Poi è arrivata la chiamata di Musk.

Così Birchall ha lasciato Morgan Stanley nel 2016 per aiutare il leader di Tesla a creare Excession, che prende il nome dal romanzo di fantascienza di Iain Banks.

Come tutto ciò che circonda Musk anche il suo family office ha tratti eccentrici. Dopo tutto, la maggior parte degli investimenti di Musk, a parte il recente acquisto di Twitter, sono nelle sue aziende: Tesla, Space Exploration Technologies Corp., Boring Co. e Neuralink. Inoltre Musk ha dichiarato di aver investito in una manciata di criptovalute e, prima di vendere le sue ville, in un portafoglio immobiliare in California.

La maggior parte della ricchezza di Musk, che attualmente ammonta a quasi 250 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index, è costituita dalla sua partecipazione del 16% in Tesla. Birchall stesso potrebbe aver costruito una ricchezza considerevole, anche se non si avvicina ai livelli stratosferici del suo capo.

Anche Birchall ha un aiuto. Alex Spiro, l’avvocato di Musk, ha svolto un ruolo fondamentale nella difesa del miliardario nei suoi rapporti con la Securities and Exchange Commission statunitense e un’altra società di gestione patrimoniale, Catalyst Family Office, è stata collegata a Musk.