Quotazioni

Caricamento in corso...
add page add page

Quotazioni Invesco Msci Japan Ucits Etf

Opzioni avanzate
Invesco Msci Japan Ucits Etf

Quotazioni Invesco Msci Japan Ucits Etf

  • Ultimo Prezzo
  •  0,0000
  • Variazione %
  • 0,00%
  • Prezzo Denaro
  • 48,9950
  • Prezzo Lettera
  • 49,0500
  • Prezzo di apertura
  •  0,0000
  • Min giornata
  • 0,0000
  • Max giornata
  • 0,0000
  • Prezzo ufficiale
  •  49,4200- 2018/12/06
  • Fase di mercato
  •  NEG
  • Q.tà Denaro
  • 3.088
  • Q.tà Lettera
  • 3.088
  • Volume scambiato
  • 0
  • Variazione punti
  •  n.d.
  • Numero scambi
  • 0
  • Vol. scamb. media gg
  •  128
  • Controval. scambiato €
  •  0

Informazioni sul titolo

  • Mercato
  • ETF Plus
  • Segmento
  • ETF-ETC
  • ISIN
  • IE00B60SX287
  • Simbolo
  • SMSJPN
  • Benchmark
  • Msci Japan (tr) $
  • Nota Benchmark
  • Azionario Pacifico
  • Divisa Emissione
  • EUR
  • Emittente
  • Invesco Markets
  • Obblighi quotazioni
  • 38.750
  • Obblighi di quotazione (Max Spread)
  • 2,500
  • Commissioni Gestione
  • n.d.
  • Lotto
  • 1

Scheda tecnica Invesco Msci Japan Ucits Etf

Descrizione
Il Source Msci Japan Ucits ETF è un fondo, appartenente alla categoria azionario Giappone, che replica l’indice Msci Japan, costituito da oltre 300 titoli del mercato azionario del Sol Levante e in grado di coprire circa l’85% della sua capitalizzazione. Non è prevista la distribuzione di dividendi.
Sintesi
Il Source Msci Japan Ucits ETF permette una piena esposizione al Giappone e può essere sfruttato anche come strumento per incrementare la diversificazione geografica del portafoglio.
Indice sottostante
L’indice Msci Japan riunisce oltre 300 azioni delle maggiori società del Giappone, con le quali copre circa l’85% della capitalizzazione totale di questo mercato. La valuta di riferimento delle azioni comprese nell’indice è lo yen. Una rivalutazione dello yen verso valute diverse dall'euro sfavorisce le società nipponiche, particolarmente votate all’esportazione, e quindi anche lo strumento, mentre una rivalutazione nei confronti dell’euro può essere in parte controbilanciata dal fatto che lo strumento viene negoziato nella valuta unica europea. Il numero di azioni è piuttosto ampio e in grado di garantire una copertura settoriale completa con una soddisfacente diversificazione. L'indice viene ribilanciato trimestralmente.
Strategia
Questo ETF è ideale per chi voglia aumentare il grado di diversificazione internazionale del proprio portafoglio di investimento o per chi ricerchi una piena esposizione al mercato giapponese. La presenza maggioritaria di azioni di aziende dei comparti finanziario e beni discrezionali lo caratterizza per un’elevata ciclicità e lo rende quindi adatto alle fasi di sviluppo del ciclo economico mondiale e, principalmente, di Stati Uniti e Cina, le due economie con cui l’interscambio commerciale giapponese è più rilevante.
Fattori di rischio
E' presente il rischio cambio in quanto l’indice comprende, ovviamente, solo aziende dell’area yen e dunque, una rivalutazione eccessiva di questa valuta ne sfavorisce le performance. Minore appare, invece, l’esposizione al rischio tassi di interesse per il livello tutto sommato contenuto di debito che caratterizza le imprese nipponiche.

Performance del titolo

  • 1 Mese
  • -3,10
  • 3 Mesi
  • -3,98
  • 6 Mesi
  • -7,83
  • 12 Mesi
  • -5,19
  • Max 52 week - Data
  • 55,04 - 02/10/2018
  • Min 52 week - Data
  • 49,29 - 26/10/2018

Ultime dal blog

  • Oggi, 09:18 - a-zanettifinanzaonline

    PIAZZA AFFARI: looking for a trend...

    Guest post: Trading Room #302. La settimana scorsa è stata una delle peggiori dell'anno per la borsa USA e per la nostra le cose sono andate un po' meglio.

  • Oggi, 09:44 - redazionefinanza

    Mutui e Bce, che succede dopo la fine del QE?

    La questione dei mutui, in particolare il rischio di un possibile aumento e inasprimento delle condizioni di finanziamento, torna alla ribalta nella settimana della Bce. Giovedì 13 dicembre la

  • Oggi, 09:19 - clinguellafinanza

    I negoziati dei PEPP bloccati sul nodo della vigilanza

    Per rafforzare l’integrazione pensionistica complementare la Commissione Ue fin dal giugno 2017 ha proposto l’istituzione dei Pan-European Pension Product (PEPP), i piani pensionistici individuali pan-europei, una specie di Pip