Quotazioni

Caricamento in corso...
add page add page

Quotazioni Invesco Msci Emerging Markets Ucits Etf

Opzioni avanzate
Invesco Msci Emerging Markets Ucits Etf

Quotazioni Invesco Msci Emerging Markets Ucits Etf

  • Ultimo Prezzo
  •  0,0000
  • Variazione %
  • 0,00%
  • Prezzo Denaro
  • 36,1500
  • Prezzo Lettera
  • 36,2200
  • Prezzo di apertura
  •  0,0000
  • Min giornata
  • 0,0000
  • Max giornata
  • 0,0000
  • Prezzo ufficiale
  •  36,8471- 2018/12/07
  • Fase di mercato
  •  NEG
  • Q.tà Denaro
  • 6.044
  • Q.tà Lettera
  • 3.044
  • Volume scambiato
  • 0
  • Variazione punti
  •  n.d.
  • Numero scambi
  • 0
  • Vol. scamb. media gg
  •  4.586
  • Controval. scambiato €
  •  0

Informazioni sul titolo

  • Mercato
  • ETF Plus
  • Segmento
  • ETF-ETC
  • ISIN
  • IE00B3DWVS88
  • Simbolo
  • MXFS
  • Benchmark
  • Msci Em (emerging Markets) (tr) Net $
  • Nota Benchmark
  • Azionari Emergenti Mondo
  • Divisa Emissione
  • EUR
  • Emittente
  • Invesco Markets
  • Obblighi quotazioni
  • 49.500
  • Obblighi di quotazione (Max Spread)
  • 2,500
  • Commissioni Gestione
  • n.d.
  • Lotto
  • 1

Scheda tecnica Invesco Msci Emerging Markets Ucits Etf

Descrizione
Il Source Emerging Markets Ucits ETF replica l’andamento dell’indice Msci Emerging Markets, che rappresenta i principali mercati azionari dei paesi emergenti a livello globale. L’Etf è indicato agli investitori che vogliano accedere all’investimento azionario in alcune tra le nazioni in via di sviluppo più interessanti; questo prodotto permette infatti di puntare su azioni di Corea del Sud, Taiwan, Sud Africa, Brasile, Russia, Cina e Messico. L’investimento è particolarmente indicato in un'ottica di diversificazione del portafoglio azionario, vista la scarsa correlazione tra l’andamento dei paesi in via di sviluppo e quelli dei principali indici a livello mondiale.
Sintesi
Il Source Emerging Markets Ucits ETF permette di investire sui principali mercati emergenti.
Indice sottostante
L'Msci Emerging Markets è composto da oltre 300 azioni quotate in una ventina di paesi in via di sviluppo. L’indice viene ricalcolato con cadenza trimestrale ed è composto da titoli effettivamente disponibili, ovvero che non subiscono restrizioni all’investimento sui mercati internazionali. L’allocazione geografica vede una presenza rilevante delle tigri asiatiche, con la Corea del Sud e Taiwan a fare la parte del leone. Rilevante anche il peso di Brasile, Messico, Cina e Russia. Seguono con pesi minori India, Israele e Malesia. Il comparto che presenta il maggior peso è quello dei finanziari, seguito da energia, materiali, tecnologici e telecom.
Strategia
Questo ETF è consigliato all’investitore che voglia assumere una piena esposizione sui mercati azionari emergenti mondiali. Lo strumento appare particolarmente indicato per effettuare un'efficace politica di diversificazione del portafoglio.
L’elevata volatilità del sottostante lo rende adatto ad un investimento con finalità di carattere speculativo anche nel medio e breve termine. Ogni tre mesi viene distribuito un dividendo.
Fattori di rischio
Oltre al rischio paese delle varie nazioni emergenti comprese nell'indice (i paesi rappresentati sono circa una ventina), decisamente importante è il rischio di cambio. L’investimento in questo strumento comporta una diretta esposizione alle fluttuazioni del cambio euro/dollaro (la valuta del comparto è il dollaro Usa mentre quella del fondo è l'euro) e delle valute nazionali dei singoli titoli componenti l’indice sottostante. Alti tassi di interesse rappresentano un fattore negativo per l’investimento in questo tipo di strumento.

Performance del titolo

  • 1 Mese
  • -1,28
  • 3 Mesi
  • -1,78
  • 6 Mesi
  • -10,08
  • 12 Mesi
  • -5,93
  • Max 52 week - Data
  • 42,80 - 26/01/2018
  • Min 52 week - Data
  • 34,91 - 30/10/2018

Ultime dal blog

  • Oggi, 09:18 - a-zanettifinanzaonline

    PIAZZA AFFARI: looking for a trend...

    Guest post: Trading Room #302. La settimana scorsa è stata una delle peggiori dell'anno per la borsa USA e per la nostra le cose sono andate un po' meglio.

  • Oggi, 09:44 - redazionefinanza

    Mutui e Bce, che succede dopo la fine del QE?

    La questione dei mutui, in particolare il rischio di un possibile aumento e inasprimento delle condizioni di finanziamento, torna alla ribalta nella settimana della Bce. Giovedì 13 dicembre la

  • Oggi, 09:19 - clinguellafinanza

    I negoziati dei PEPP bloccati sul nodo della vigilanza

    Per rafforzare l’integrazione pensionistica complementare la Commissione Ue fin dal giugno 2017 ha proposto l’istituzione dei Pan-European Pension Product (PEPP), i piani pensionistici individuali pan-europei, una specie di Pip