Quotazioni

Caricamento in corso...
01/10/2018 14:50:48 Archivio analisi

Volkswagen: tra i migliori del comparto europeo, prende di mira 160 euro

IL FATTO

Il comparto europeo dell’automotive torna a crescere in Borsa. Tra i titoli che stanno brillando troviamo Volkswagen che, da settembre, sta sovraperformando l’Euro Stoxx Automotive & Parts di circa 8 punti percentuali.

Sia il titolo Volkswagen che l’indice di riferimento hanno in buona parte beneficiato del distendersi delle tensioni con gli USA, in tema di dazi. Tensioni che recentemente si sono affievolite, dopo l’incontro di fine luglio tra il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il Tycoon, ormai più concentrato sullo scontro con la Cina.

Volkswagen inoltre ha beneficiato dei conti semestrali record. Il Gruppo infatti ha registrato il miglior primo semestre della sua storia, consegnando 5,5 milioni di veicoli, in crescita del 7,1%, grazie soprattutto all'aumento delle vendite della gamma SUV del marchio tedesco. Anche il mese d’agosto ha visto un buon incremento dei veicoli venduti. Volkswagen ha venduto 875.300 veicol, con un incremento del 6,8 per cento. La crescita maggiore c’è stata in Europa con un +21% a 327.700 unità. Nei primi 8 mesi dell’anno è stata superata quota 7,3 milioni di unità vendute con un +7,5%, rispetto all’analogo periodo 2017. Il marchio Volkswagen da solo ha venduto 513.300 veicoli in tutto il mondo con un incremento del 3,7 per cento rispetto alle 495.200 unità vendute nello stesso mese del 2017.

L'EFFETTO

Il miglioramento dei rapporti tra USA e Europa, oltreché gli apprezzabili risultati conseguiti negli ultimi mesi da Volkswagen hanno permesso al titolo il mini rally che ha caratterizzato settembre.

Da un punto di vista tecnico il titolo presenta infatti un grafico molto interessante. Sia i volumi che la volatilità e il momentum hanno accompagnato la salita avviata lo scorso mese. La fase di correzione invece sembra effettivamente aver terminato la corsa sul minimo ytd a 134 euro, realizzato il 7 settembre. I volumi infatti lungo il rialzo si sono alzati e così la volatilità. RSI conferma quanto detto essendo entrato in forte ipercomprato. Il che implica una netta prevalenza delle pressioni rialziste e la solidità del movimento attuale. I prezzi poi hanno anche infranto al rialzo una resistenza importante, ovvero la fascia di prezzo compresa tra 150 e 152 euro. A questo punto manca solo il break della trend line ribassista di medio periodo, descritta dai massimi del 23 gennaio e del 22 maggio 2018, e dei 160 euro, per confermare l’inversione e avviare il graduale ritorno verso i massimi.

SCENARIO LONG

Per ingressi long attendere il superamento degli 160 euro. Stop loss a 155 dollari euro target a 166 e 180 dollari

SCENARIO SHORT

Apertura di posizioni short su discese sotto 140 dollari, con stop loss posizionato a 145 dollari. Target a 134 e 130 dollari.

Lascia un commento

Ultime dal blog