Quotazioni

Caricamento in corso...
11/12/2017 16:58:13 Archivio analisi

Saras: calo importante dei margini EMC ma titoli del settore rimangono sui massimi

IL FATTO

Oggi Saras ha pubblicato il dato sul margine di raffinazione medio EMC benchmark che evidenzia una prosecuzione del trend ribassista cominciato nella settimana conclusasi il 24 novembre scorso. I margini infatti sono passati dai circa 3 dollari al 17 novembre, livello buono per il settore, agli attuali 0,9 dollari al barile, livello molto basso.

La ragione di questo movimento è da collegare principalmente alle dinamiche del crack spread della benzina che ha visto una forte contrazione passando da 10 a 6 dollari al barile. Crollato anche quello del fuel oil. Rimasto sostanzialmente stabile invece il crack spread del diesel intorno ai 12 dollari.

Il crack spread della benzina ha subito l’impatto del calo della domanda USA di questo prodotto dall’Europa. Situazione legata al forte aumento delle scorte negli States, come rivelato dall’EIA ad esempio la scorsa settimana (scorte di benzina: +6,8 milioni di barili).

Nell’ultimo mese questo fenomeno era già in atto ma controbilanciato, almeno parzialmente, dalle importazioni del Medio Oriente e dell’Asia Pacifico. Elemento però che è venuto meno nelle ultime settimane rendendo più evidente lo scompenso. La forte domanda di queste due aree è stata probabilmente legata all’importante programma di manutenzione delle raffinerie che avverranno nei prossimi mesi e che dovrebbero ridurre in modo consistente la produzione interna di benzina.

L'EFFETTO

Nonostante il forte calo dei margini di raffinazione europea, che avrà impatto sui margini delle società del settore nel 4 trimestre 2017, i titoli delle società della raffinazione, non ne hanno risentito in modo particolare.

OMV rimane saldamente ancorata ai massimi dal 2008, Hellenic Petroleum è in una fase di mercato laterale ormai da ottobre e Neste Oyj rimane sui massimi storici. Tupras invece ha subito, dai massimi di novembre, un calo del 19 per cento. Performance però da ricollegare alla forte rivalutazione della valuta locale (lira turca).


Saras, dopo aver raggiunto nuovi massimi Ytd a circa 2,4 euro, ha avviato una veloce correzione che ha riportato i corsi a 2 euro. I prezzi comunque rimangono in prossimità dei massimi e oggi all’uscita del dato EMC molto negativo non hanno neanche tentato la rottura dei 2 euro. Dinamica anche legata al fatto che Saras è più esposta al diesel e meno alla benzina. Da ricordare inoltre che  il crollo dell'olio combustibile ha un impatto negativo molto più forte su EMC che ha un resa in olio combustibile del 15% che per Saras che invece ha una resa solo del 5-6 per cento.

La ragione della buona tenuta dei titoli del settore è che trader e operatori si aspettano nei prossimi mesi un netto restringimento del mercato legato ad importanti lavori di manutenzione delle raffinerie in Asia Pacifico e Medio Oriente. Infatti, secondo le previsioni della società di consulenza Energy Aspects, la manutenzione globale delle raffinerie dovrebbe aumentare progressivamente nei prossimi mesi fino a superare i 5 milioni di barili/giorno nel mese di marzo. Circa 2 milioni di questi volumi in meno saranno ascrivibili all’Asia.

 

SCENARIO LONG

Strategie long sul titolo con ingresso a 2,164 euro e stop loss a 2,072 euro avrebbero target a 2,292 e 2,394 euro.

SCENARIO SHORT

Strategie short sul titolo con ingresso a 1,964 euro e stop loss a 2,04 euro avrebbero target a 1,856 e 1,805 euro.

Lascia un commento

Ultime dal blog

  • Oggi, 12:11 - dream-theater

    FMI: allarme debito. Ma perché ora?

    Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha confermato le stime di crescita globale 2018 e 2019 entrambe a 3,9. Ma Washington ha

  • Oggi, 18:48 - wizard56borse-it

    Il trading gratis o a pagamento? - Analista Simone Rubessi

    DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto

  • Oggi, 10:18 - mazzalai

    DEUTSCHE BANK: ALLARME ROSSO...INVESTMENT BANKING!

    Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi avevamo messo una notizia, da prendere in seria considerazione, una notizia