Quotazioni

Caricamento in corso...
04/12/2018 10:06:45 Archivio analisi

Ftse Mib: indice sulla neck line in attesa sviluppi Italia-UE

IL FATTO

L’indice Ftse Mib (così come l’Euro Stoxx 50 e il Dax) sembra vicino ad un punto di svolta, anche se gli operatori stanno attendendo gli esiti del confronto tra Governo italiano ed Europa per prendere posizione.

In ballo c’è il tanto atteso rally di Natale. Rally quest’anno atteso più che mai, visto che il listino tricolore fino a venerdì scorso si confermava essere YTD tra i peggiori indici europei, in compagnia del DAX. Il weekend però ha portato consiglio, non solo in Europa, ma anche al G20. Stati Uniti e Cina infatti hanno raggiunto un accordo, siglando una tregua commerciale. Trump e Xi Jinping hanno infatti deciso di non imporre nuovi dazi a partire da gennaio 2019, favorendo i negoziati tra le due parti in gioco.

Molto positivo per gli operatori anche la prosecuzione delle trattative tra governo italiano e UE. Il Premier Conte infatti si sta dimostrando garante nel confronto con l’Europa. Proprio Conte, al termine della bilaterale con il presidente della Commissione Ue ha dichiarato che "il dialogo continua, il clima è sereno, il confronto è costruttivo e aperto". Il leader italiano ha aggiunto che "valutiamo vari scenari. L'obiettivo è evitare la procedura d'infrazione". Intanto, la forte correzione che ha colpito il FTSE MIB ha portato l’indice a raggiungere un forte sconto sul P/E 2018. Il FTSE MIB infatti quota a 10,7 volte, contro una mediana storica di circa 16 volte.

L'EFFETTO

L’insieme combinato di distensione dei rapporti USA-Cina e Italia-Europa, ha permesso al Ftse Mib uno scatto rialzista importante. Manca però ancora l’innesco per sviluppare una figura che si vede sullo sfondo.

E infatti ieri il FTSE MIB ha tentato il break della neck line del doppio minimo disegnato nei mesi di ottobre e novembre. Una figura d’inversione grafica che ha la neck line proprio in area 19.600 punti. Questo rappresenta il livello che se infranto con forti volumi, dovrebbe attivare la figura, innescando un rialzo che potenzialmente potrebbe riportare i corsi in area 20.800-21.000 punti, il tanto atteso rally natalizio. L’eventuale incapacità di rompere tale livello o l’assenza di volumi sarebbe sospetta, e non si possono escludere ritorni verso 18.835 punti.

SCENARIO LONG

Per ingressi long attendere il superamento di 19.600 punti. Stop loss a 19.200 punti, target a 20.000 e 20.236 punti.

SCENARIO SHORT

Apertura di posizioni short su discese sotto 18.835 punti, con stop loss posizionato a 19.000 punti. Target a 18.400 e 18.000 punti.

Lascia un commento


Ultime dal blog