Quotazioni

Caricamento in corso...
11/05/2018 11:47:10 Archivio analisi

Enel: torna su resistenza 5 euro dopo conti e balzo rendimenti

IL FATTO

Enel ha pubblicato i risultati del primo trimestre 2018 che nel complesso sono stati positivi e in linea con le attese. Confermata anche la guidance sull’intero anno.

Più nel dettaglio Enel ha raggiunto nel quarter ricavi a 18.946 milioni di euro, in calo del 2,2%. Diminuzione principalmente attribuibile all’evoluzione negativa dei tassi di cambio, in particolare in Sud America. L’Ebitda si fissa a 4.037 milioni, in crescita del 3,1% a/a, in aumento soprattutto per effetto della crescita nelle rinnovabili e nella distribuzione, nonché del miglioramento dei margini nei mercati finali in Iberia, fattori che hanno più che compensato l’effetto cambi negativo.

La gestione caratteristica ha chiuso con Ebit sostanzialmente stabile a 2.538 milioni (+0,5% a/a), in lieve aumento nonostante l’incremento degli ammortamenti ed adeguamenti di valore del periodo, dovuto all’applicazione del principio IFRS 15 e a svalutazioni di crediti commerciali. L’Utile netto è pari a 1.169 milioni, in netto progresso sul pari anno (+18,9%). Dinamica legata al miglioramento del risultato operativo, per i minori oneri finanziari netti derivanti dall’efficiente gestione delle passività finanziarie, nonché per il minor carico fiscale in particolare in Italia.

Sul lato patrimoniale il risultati del primo trimestre evidenziano che l’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2018 ammonta a 37.871 milioni, in aumento per effetto del pagamento dell’acconto sul dividendo relativo all’esercizio 2017 e degli investimenti del periodo, fattori che hanno più che compensato i flussi di cassa della gestione operativa.

L'EFFETTO

Nonostante i risultati del gruppo siano stati in linea con le attese e nel complesso positivi, il mercato ha reagito vendendo. In particolare dal 9 di maggio, giorno della pubblicazione dei risultati trimestrali Enel ha perso circa il 4%, sottoperformando il mercato del 3,5%. Cerchiamo di capire perché?

In parte hanno prevalso le prese di beneficio. Il titolo infatti dal 5 marzo ha guadagnato oltre il 17%, passando dal minimo a 4,546 euro al massimo di maggio a 5,4 euro. Normale che in presenza di risultati allineati alle attese e senza novità di particolare rilievo, il mercato abbia optato per le prese di beneficio. Non basta però. Guardando attentamente il grafico noterete infatti che i prezzi hanno invertito direzione il giorno prima, ovvero l’8 maggio, quando il titolo ha perso oltre il 2%. Tale comportamento infatti ci aiuta a meglio capire la sottoperformance di Enel. Oltre alle prese di beneficio infatti a spingere gli operatori a vendere i titoli dell’azione della multinazionale dell’energia italiana vi è anche il rialzo dei rendimenti del decennale italiano. Ricordiamo infatti che vi è forte correlazione inversa tra titoli del settore utility e i rendimenti dei titoli di Stato.

Da un’analisi del grafico infatti si può vedere che lo yield dei titoli di Stato, dopo una fase di bottom che è durata tutto aprile e i primissimi di maggio, è ripreso a salire rompendo, proprio l’8 maggio il muro del 1,8%, resistenza importante. Movimento che infatti ha causato l’inversione in buona parte dei titoli delle utility, Enel compresa.

SCENARIO LONG

Per ingressi long sul titolo attendere rimbalzo sui 5 euro. Stop loss a 4,95 euro e target a 5,214 e 5,4 euro.

SCENARIO SHORT

Apertura di posizioni short su discese sotto 5 euro, con stop loss posizionato a 5,1 euro. Target a 4,81 e 4,57 euro.

Lascia un commento

Ultime dal blog

  • 21 mag, 14:46 - mikelsfinanza

    WALL STREET: regge la borsa USA anche senza grande entusiasmo

    La borsa italiana è in difficoltà per colpa della crisi politica, ma Wall Street continua imperterrita la sua strada che però sarà più volatile. Analisi COT Report del CFTC

  • Ieri, 18:29 - wizard56borse-it

    IFR un indicatore del futuro - Analista Simone Rubessi

    DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto

  • Ieri, 17:32 - gianca60

    Setup e Angoli di Gann: FTSE MIB INDEX 23 Maggio 2018

    Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup Mensile: ultimo Marzo /Aprile (range 21460 / 24074 )