Quotazioni

Caricamento in corso...
11/07/2018 11:34:16 Archivio analisi

CNH Industrial: guerra commerciale USA-Cina penalizza il titolo

IL FATTO
CNH Industrial oggi cede in Borsa oltre il 3% in scia l’annuncio della Casa Bianca di nuovi dazi su beni cinesi per un valore di 200 miliardi. Le nuove tariffe non entreranno in vigore prima di settembre. La Cina ha definito l’azione “irresponsabile” impegnandosi a rispondere in modo adeguato.
E sicuramente questa la ragione principale del forte calo che il titolo ha subito a partire da febbraio del 2018. Il mercato americano è infatti molto importante per CNH Industrial che vende macchine per l’agricoltura, una delle aree di business più importanti per la società. Eventuali dazi cinesi sui prodotti agricoli americani danneggerebbero dunque questo mercato in particolare. Inoltre agli operatori non è piaciuta anche l’uscita del ceo Richard Tobin, manager che vantava un buon track record positivo. 
 

L'EFFETTO
L’effetto dei dazi come abbiamo detto per CNH Industrial è un calo cumulato da inizio anno di oltre il 20% e una sottoperformance sul Ftse Mib sempre del 20 per cento circa.

Il quadro grafico di Cnh Industrial infatti è particolarmente complesso. Il titolo ha recentemente subito la rottura della neck line del testa e spalle ribassista delineato a partire da aprile del 2017. Come sempre però, pur tenendo in considerazione la presenza di una figura ribassista, l’analisi va sempre fatta sui prezzi e sui livelli. Dal grafico si evince che abbiamo la trend line rialzista di lungo periodo poco sopra gli 8 euro e a 8 euro la presenza del 61,8% di Fibonacci di tutto l’up trend avviato a febbraio 2016. Livelli che potrebbero interrompere la brusca discesa che ormai da febbraio 2018 hanno caratterizzato il titolo.

Non è da escludere un possibile rimbalzo anche prima, il problema e rischio però sarà capire se siamo davanti ad un pull back verso la neck line o ad un recupero vero e proprio. Spesso infatti i testa e spalla ribassisti vedono una fase di pull back, ovvero un movimento di ritorno verso la neck line prima del tracollo. In tal caso sarà importante monitorare i volumi. Volumi deboli e in calo lungo la fase ascendente dovranno metterci in guardia.
 

SCENARIO LONG

Per ingressi long sul titolo attendere il superamento dei 10 euro. Stop loss a 9,5 euro e target a 11 e 12 euro. 

SCENARIO SHORT

Apertura di posizioni short su discese sotto 8,62 euro, con stop loss posizionato a 9 euro. Target a 8 e 7,5 euro.

Lascia un commento

Ultime dal blog