Quotazioni

Caricamento in corso...
11/10/2017 15:59:30 Archivio analisi

Atlantia: su Abertis contro-Opas o rilancio?

IL FATTO

Questa settimana è arrivato l’avallo della Cnmv, la “Consob spagnola”, all’offerta promossa da Atlantia sul 100% del capitale del gruppo Abertis Infrastructuras SA. L’autorità di vigilanza del mercato finanziario iberico ha ritenuto sufficiente il contenuto del prospetto informativo presentato da Atlantia.

L'offerta riguarda il 100% del capitale del gruppo spagnolo per un controvalore di 16,5 euro per azione. Ora rimangono due nodi da sciogliere, il primo riguarderebbe le scelte del Governo spagnolo ed il secondo le possibili contromosse di Acs, azienda infrastrutturale spagnola di proprietà del presidente del Real Madrid Florentino Perez.

Sul primo fronte, il Governo di Madrid starebbe valutando se sia necessaria l’autorizzazione ad Atlantia per poter acquisire Abertis, mentre per quanto riguarda Acs rimane il tema della contro-offerta che dovrebbe essere presentata eventualmente entro il 19 ottobre. Entro il 20 il Cda di Abertis dovrà dare la propria raccomandazione sull’operazione. Non è escluso neanche un rilancio sul prezzo da parte di Atlantia stessa. 

L'EFFETTO

L’operazione da un punto di vista industriale permette ad Atlantia di consolidare la leadership sul mercato delle infrastrutture in quanto pone solide basi per la creazione di un campione mondiale nel settore.

Negli ultimi 5 anni il titolo Atlantia ha registrato una performance molto positiva (+124%) contro il +44,5% circa realizzato dall'indice Ftse Mib; il titolo ha avuto un trend positivo fino ad aprile del 2015, seguito da una fase di consolidamento di alcuni mesi e da un nuovo impulso rialzista tra novembre e dicembre 2016.

Dal punto di vista operativo la serie di indiscrezioni che hanno riguardato la vicenda dell’Opas su Abertis ha di fatto procurato maggior appeal al titolo in Borsa. Da inizio anno il valore di Atlantia in Borsa è cresciuto del 22,9% circa, contro il 15-16% del principale indice tricolore.

Dopo il massimo storico a 27,85 euro toccato nella prima parte di ottobre, ora il titolo potrebbe mostrare fisiologici alleggerimenti in direzione 27 euro. Movimenti in questa direzione potrebbero attrarre nuovi investitori che, in vista dell’avallo da parte della Commissione Ue, si troverebbero a cavalcare un successivo impulso rialzista oltre gli attuali massimi.

SCENARIO LONG

Strategie long sul titolo con ingresso a 27 euro e stop loss a 26,40 euro avrebbero target a 27,90 e 28 euro.

SCENARIO SHORT

Strategie short sul titolo con ingresso a 27,67 euro e stop loss a 27,90 euro avrebbero target a 26,35 e 26 euro.

Lascia un commento

Ultime dal blog